liga 6a giornata

Olympiakos - Juventus

Martedì 5 Dicembre ore 20:45

Sì sì, venerdì Allegri ha confermato di avere le idee chiare. Contro un integralista come Sarri, sono bastate due mosse molto prevedibili: 1) trattenere il pallone in difesa per far si che il Napoli abboccasse alla tentazione di scoprirsi col solito pressing robotizzato; 2) colpire i partenopei con cambi di gioco e contropiede, spesso molto fastidiosi per chi gioca principalmente a zona. In effetti Allegri sin qui, raramente in carriera ha sbagliato scontri diretti contro squadre che schieravano in campo individualità sulla carta pari o inferiori a quelle a sua disposizione.

Probabilmente se nel suo lavoro mettesse un po’ di passionalità in più oltre al cervello (quasi sempre lucidissimo), si toglierebbe di dosso l’etichetta di chi perde quando sulla carta deve perdere. Per intenderci: appena una sua squadra affronta un avversario individualmente e atleticamente quasi pari, pari o superiore, cominciano i danni. E se 3 indizi fanno una prova, eccone 3, anzi 4:

  1. lo scudetto perso alla guida del Milan contro la prima Juventus di Antonio Conte
  2. la finale di Champions persa contro il Barcellona 3 anni fa
  3. l’eliminazione contro il Bayern Monaco 2 anni fa
  4. la finale di Champions persa contro il Real Madrid l’anno scorso

Le vittorie contro Dortmund, Real Madrid e Barcellona di questi anni?

Quel Dortmund era impelagato nella lotta per la salvezza in Bundesliga, quel Real Madrid aveva problemi di spogliatoio che né Mourinho né Benitez riuscirono a fronteggiare, il Barcellona e il Messi dell’anno scorso? Parliamone, tanto era fuori condizione psico-fisica, che la Pulce, la stagione scorsa l’aveva cominciata dopo aver piagnucolato davanti alle telecamere,  “minacciando” di volersi ritirare dalla nazionale dell’Argentina. Detto questo perché Perché Allegri ha problemi nell’andare oltre, oltre l’ostacolo più grande di lui. Ma la sua testa dovrebbe essere pronta per affrontare questa partita. E la Vecchia Signora, quest’anno, tra i tanti alti, bassi e “Over 3.5” esterni, ha fatto partita seria in occasione delle uniche due trasferte serie disputate in campionato: a San Siro e al San Paolo.

I calcoli per il passaggio del turno

  • La Juventus passa il turno con una vittoria, o se pareggia e lo Sporting non vince a Barcellona (in caso di arrivo a pari punti, la Juve è in vantaggio nei confronti diretti).
  • L’ Olympiacos è matematicamente quarto.

La classifica

Barcellona 11

Juventus 8

Sporting Lisbon 7

Olympiacos 1

Il pronostico:

“2” (1.23) – rischio alto

Alternative“X2 + Under 4.5” (1.15) – rischio medio; “Under 1.5 1° Tempo” (1.42)  – rischio alto; “2 + Under 3.5” (1.70) – rischio altissimo

La Vecchia Signora riuscirà a non pensare al parziale del Camp Nou?

Questa gara non si presta alle schedine, perché la quota del “2” è molto bassa e la Juve in trasferta, a seconda delle partite ha alternato “Over” ad “Under”.  Spicca un dato: la Juventus ha perso solo 2 delle ultime 18 partite di Champions. Però la Juventus questa volta deve vincere! Il Barcellona non è motivato perché tanto è già certo del 1° posto, ma Allegri lo sa: allo Sporting Lisbona, i blaugrana possono segnare uno o più goal da un momento all’altro. E poi, a dirla tutta, se fossimo nei panni del Barcellona, ci terremmo così tanto a favoreggiare il passaggio del turno della Vecchia Signora?

Allegri tutto questo lo avrà pensato, è uno che forse a volte non usa a sufficienza il cuore, lo spirito, L’ANIMA per correre in soccorso al raziocinio. Ma la ratio allegriana, appunto, è lucida, e a volte anche fredda e calcolatrice. Noi lo sappiamo bene, ed ecco come abbiamo centrato la “X” di Juventus – Barcellona, ed ecco come il direttore ha fatto cassa addirittura con lo “0-0 esatto” a quota 10.50!

In ogni caso, non va esclusa una rete in qualsiasi momento di Dybala (1.65). Sembra cupo, ma in Champions non segna dai quarti di finale dello scorso anno contro il Barcellona. I giornali non hanno parlato d’altro, magari vi trova le motivazioni decisive! Peccato per la quota. Pensate un po’: una rete in qualsiasi momento di Higuain è quotata 1.50. Non proprio una giocata invitante, dato le volte in cui s’è cagato sotto di fronte alle partite internazionali da dentro o fuori. È vero che siamo nella fase Higuain, quella a gironi, però la quota è comunque bassa.

Il punto statistico in Champions delle due squadre

4 sconfitte nelle ultime 5 gare di Champions per i greci. L’Olympiacos non ha statistiche molto lineari, avendo fin qui registrato 3 “Gol” e 2 “No Gol”. Stessa cosa per quanto riguarda le statistiche “Under/Over”, ben 2 “Over 3.5” e poi 2 “Under 2.5”.

Juventus sempre molto pragmatica in questa edizione, avendo concluso tutte le gare sempre con l’esito “Under 3.5”, con 4 “Over 1.5”. Nelle gare esterne sono 5 i “2” nelle ultime 8 trasferte, con 4 “No Gol+Under 2-5” nelle ultime 5. Spiccano le sole 2 sconfitte nelle ultime 18 gare europee.

Il punto statistico in campionato delle due squadre

L’Olympiakos in campionato è reduce da 4 vittorie di fila, tutte con “Over 2.5+Gol”. In casa i greci sono reduci da 4 “1” e 3 “Over 2.5” di fila, 5 i “Gol” in 7 gare interne.

La Juventus in Serie A ha vinto 6 delle ultime 7 gare, l’ultima in trasferta sul campo del Napoli per 1-0. 4 “2” nelle 6 trasferte di campionato dei bianconeri, SEMPRE “Gol Ospite”, ma anche 5 “Gol” nelle 6 gare esterne. Anzi, a dirla tutta: escluse le uniche due trasferte “serie in casa” di Milan (0-2) e Napoli (0-1), la Vecchia Signora ha chiuso tutte le altre trasferte di campionato con “Over 3.5 + Gol“.  

Lo studio statistico: 

Esiti in comune tra le due squadre: /

OLYMPIAKOS (29°)

IN GENERALE (5 gare)

MAI V, 1 P (20%), 4 S (80%)

  • 4 sconfitte nelle 5 gare
  • 5 gare consecutive senza vittorie
  • 3 “1” nelle ultime 4 gare
IN CASA (2 gare)

0 V (0%), 1 P (50%), 1 S (50%)

Nessuna statistica significativa

DALLO SCORSO CAMPIONATO

Non ci sono statistiche in corso interessanti

JUVENTUS (14°)

IN GENERALE (5 gare)

2 V (40%), 2 P (40%), 1 S (20%)

  • SEMPRE “1X”
  • 2 “X” (pareggi) consecutivi
  • 4 gare consecutive senza sconfitte
  • SEMPRE “Under 3.5”
  • 3 “Under 2.5” nelle ultime 4 gare
IN TRASFERTA (2 gare)

0 V (0%), 1 P (50%), 1 S (50%)

Nessuna statistica significativa

DALLO SCORSO CAMPIONATO
  • Solo 2 sconfitte nelle ultime 18 gare
  • “Over 1.5” nelle ultime 8 gare
  • 12 “Under 3.5” nelle ultime 13 gare
  • “2” (vittorie) nelle ultime 8 gare in trasferta
  • “X2” nelle ultime 8 gare in trasferta
  • “Gol Ospite” nelle ultime 8 gare in trasferta
  • “No Gol” nelle ultime 5 gare in trasferta
  • “Under 2.5” nelle ultime 5 gare in trasferta

News dai campi:

Qui Olympiakos.
L’Olympiacos è il fanalino di coda del gruppo D con un solo punto, conquistato tra le mura di casa contro Messi e compagni. Nell’ultimo turno di campionato è arrivata la vittoria casalinga per 3-1 contro lo Smyrnis e ora i greci sono secondi a -1 dalla vetta.

Problemi in casa Olympiacos, con Lemonis che dovrà fare a meno degli infortunati Emenike, Ben e Zdielar.

Le parole di Lemonis riportate su Sportmediaset.it: “La Juventus farà una partita aggressiva per non permettere che a decidere la qualificazione sia Barcellona-Sporting Lisbona, ma noi vogliamo comunque i 3 punti davanti al nostro pubblico. Chi toglierei alla Juve? Tutti e 11 i giocatori, è una buonissima squadra. L’obiettivo è entrare in campo ben concentrati per fare la migliore partita”.

Poi ancora: “Devo considerare maggiormente il campionato, con gli impegni subito dopo la sfida di domani. Avremo quindi un atteggiamento un po’ diverso, cambierò qualcosa, cercheremo di sorprendere la Juventus come abbiamo fatto col Barcellona. Come? Non posso ancora dare i dettagli, ma cambieranno lo stile e la filosofia di gioco”. 

L’allenatore dell’Olympiacos non vuole dare nessun vantaggio agli avversari: “La Juventus è una squadra che può vincere contro chiunque. Il Napoli è una squadra che mi piace, ma la Juve ha mostrato tutto il peso della sua maglia”.

Qui Juventus.
Nell’elenco dei convocati della Juventus, torna Mario Mandzukic che ha smaltito il problema al polpaccio sinistro, un guaio che gli ha impedito di essere a disposizione nella sfida di venerdì sera contro il Napoli. Ora bisognerà vedere se Allegri sceglierà di rimetterlo tra i titolari, tornando al 4-2-3-1 oppure se risparmiarlo in vista della sfida contro l’Inter e confermare il 4-3-2-1 con Matuidi, Pjanic e Khedira in mediana e Douglas e Dybala alle spalle di Higuain.

Le parole di Allegri alla vigilia riportate su Sportmediaset.it: “I black out servono e bisogna averli ben chiari in mente per non fare di nuovo gli stessi errori. Bisogna essere bravi a continuare, a mettere da parte le cose buone fatte e migliorare quello che ancora dobbiamo migliorare. Il risultato che abbiamo ottenuto a Napoli è importante, con il quale ci siamo avvicinati alla vetta. Il nostro obiettivo è arrivare a marzo e giocarci le nostre chance di campionato. La classifica rispecchia il valore della squadra. La squadra a Napoli ha fatto bene nei primi 20 minuti, poi dopo abbiamo fatto una partita più sulla difensiva e quindi su quello bisogna lavorare”.

Su Higuain: “Contro l’Olympiacos gioca anche perché sta bene. Tornerà Mandzukic, ci sono due problemi fisici che devo valutare. Uno è Buffon, l’altro è Pjanic. Se stanno bene giocano, altrimenti no. Contro i greci ci giochiamo il primo obiettivo della stagione e non ci sarà più tempo per recuperare a differenza del campionato. O vinciamo o rischiamo di andare a casa. La gara è complicata. L’Olympiacos vorrà chiudere bene il girone. Ci vorrà grande rispetto senza pensare al risultato di Barcellona. Bisognerà avere grande attenzione e grande pazienza”.

Curiosità

  • I greci hanno perso cinque dei loro sette precedenti contro la Juventus (negli altri due, una vittoria ed un pareggio), anche se nell’ultimo precedente al Pireo nel 2014 fu proprio l’Olympiakos a vincere 1-0.
  • L’Olympiakos non ha vinto nessuna delle ultime 3 partite casalinghe di Champions League, è già sicuro dell’ultimo posto in classifica, ha perso 6 delle ultime 7 partite giovate concedendo almeno 2 gol per sconfitta.
  • La Juventus non ha ancora vinto in trasferta in questa edizione della Champions League: sconfitta per 3-0 al Camp Nou, pareggio per 0-0 contro lo Sporting Lisbona.
  • 4 dei 5 gol segnati dalla Juventus sono arrivati dal minuto 69 in poi, mentre tutti e 4 i gol dei greci sono giunti oltre l’85’.
  • Dovesse giocare, Mario Mandzukic raggiungerebbe le 50 presenze in Champions League diventando il quarto croato a superare questo traguardo: prima di lui ci sono riusciti Modric, Srna e Robert Kovac.

Probabili formazioni:

Olympiakos (4-3-2-1): Proto; Elabdellaoui, Nikolaou, Engels, Koutris; Romao, Tachtsidis, Fortounis; Marin, Pardo; Djurdjevic. All. Lemonis

Indisponibili: Emenike

Diffidati: nessuno

Squalificati: Figueiras

Juventus (4-3-2-1): Buffon; De Sciglio, Barzagli, Benatia, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Dybala; Higuain. All. Allegri

Indisponibili: Chiellini, Howedes

Diffidati: nessuno

Squalificati: nessuno