liga 1a giornata

Atalanta - Everton

Giovedì 14 Settembre ore 19:00

Dopo un avvio incerto, gli orobici hanno finalmente vinto la loro 1ª giornata di campionato. Liquidato 2-1 il Sassuolo in rimonta, grazie alle reti di Cornelius e Petagna. Proprio gli attaccanti centrali, forse l’unico punto debole dell’Atalanta di Gasperini lo scorso anno. Gasp si prepara al suo ritorno in Europa, dopo ben 7 anni, quando chiuse ultimo con il Genoa. L’Atalanta invece manca dalle coppe europee da 26 anni. L’ultima volta, i nerazzurri uscirono ai quarti per opera di altri nerazzurri, per giunta connazionali. Dopo il pareggio all’Atleti Azzurri d’Italia, l’Inter liquidò la Dea 2-0 a San Siro.

Ancora nessuna vittoria per l’Everton in campionato. La squadra di Koeman ha infatti collezionato 1 pareggio e 2 sconfitte, anche se il calendario era abbastanza proibitivo. Infatti, nelle prime 3 giornata i Toffees hanno incontrato Manchester City, Chelsea e Tottenham. Adesso l’Europa League: nel turno preliminare la squadra ha sconfitto l’Hajduk Spalato, vincendo 2-0 a Goodison Park e pareggiando 0-0 in Croazia. Everton non ancora in condizione, dopo la sosta la squadra lamenta ancora fiato corto e scarsa intensità.

Atalanta – Everton è sicuramente una delle partite più interessanti di questo giovedì europeo. Sarà curioso vedere come si comporteranno soprattutto i padroni di casa, alla loro primissima esperienza in Europa. L’Everton invece non vi partecipa dalla stagione 2014/2015, da quando uscì negli ottavi della competizione contro la Dinamo Kiev. Sarà scontro tattico tra Gasperini e Koeman, due allenatori improntati al calcio posizionale, ma con filosofie completamente diverse.

I nerazzurri preferiscono la verticalizzazione diretta verso gli esterni, che subito poi cercano Gomez per l’inizio della transizione offensiva. I Toffees invece optano per un possesso palla più ragionato che porta molti giocatori a partecipare alla fase offensiva. Numerosi i cross di cui lo scorso anno ha beneficiato soprattutto Lukaku, poi passato allo United. Quest’anno preso come punta centrale Sandro Ramirez, tuttavia lo spagnolo non si è ancora ben adattato al calcio inglese e agli schemi offensivi di Koeman.

Girone di ferro quello di cui sono composte entrambe le squadre, nell’altra gara si affronteranno due avversari temibili come Lione e Apollon Limassol.

Il pronostico:

“1X” (1.34) – rischio medio

Alternative“1X + Under 4.5” (1.45) – rischio alto; “1” (2.35) – rischio alto

Nonostante le sconfitte iniziali contro Roma e Napoli, l’Atalanta sta molto bene. Sul piano fisico la condizione è ottima e quelle sconfitte sono molto bugiarde. Lo testimonia la vittoria in rimonta sul Sassuolo, in cui la squadra ha martellato fino al 90° per vincere. L’Everton viene da un calendario terribile in cui è riuscito ad accumulare a mala pena 1 punto.

Vediamo favoriti gli orobici, poiché la squadra di Koeman probabilmente è con la testa già allo United nella gara di domenica. Tante seconde linee per i Toffees, al contrario i nerazzurri schiereranno la squadra titolare. L’Atalanta dovrà combattere con sé stessa per far fronte ai suoi limiti caratteriali, così come anche Gasperini.

News dai campi:

Qui Atalanta.

Gasperini potrà schierare la miglior formazione contro l’Everton, l’unico in dubbio Spinazzola. Il terzino soffre ancora del problema muscolare accusato in Nazionale contro la Spagna. Tuttavia, due importanti pedine dello scorso anno sono andate via: Conti e Kessié. Per sostituirli, ecco Castagne e De Roon. Contro l’Everton sarà una partita un po’ meno casalinga: si giocherà al Mapei Stadium di Reggio Emilia, visto che l’Atleti Azzurri d’Italia è inagibile per le competizioni UEFA.

Queste le parole di Gasperini, raccolte da gazzetta.it: “C’è emozione, c’è una grande attesa, ma abbiamo tante gente al seguito qui a Reggio Emilia che ci farà sentire a casa. Il fatto che così tanta gente arrivi da lontano non ci farà sentire la difficoltà di giocare in un campo diverso, magari avremo anche qualche motivazione in più. Formazione? Ce l’ho in testa. Negli ultimi due giorni abbiamo dovuto rinunciare a Ilicic e Gosens. Ho comunque delle valide soluzioni, le sensazioni sono postive. Per Gosens è una cosa passeggera, ma sapremo meglio lunedì. Spinazzola ne avrà almeno per un’altra settimana”:

Sull’Everton: “L’Everton è fisicamente forte, per noi è come giocare contro Inter, Milan, Lazio e Fiorentina, sono partite difficili, ma noi abbiamo grande fiducia. È una squadra molto preparata, ma siamo pronti ad affrontare la competizione. Sono orgoglioso di ritrovare l’Europa con l’Atalanta”.

Qui Everton.

Koeman non avrà a disposizione i lungodegenti Funes Mori, Bolasie, Coleaman e Barkley. Quest’ultimi, assenze molto importanti: infatti, erano perni dei Toffees che sfiorarono la Champions lo scorso anno. Il tecnico olandese terrà un occhio di riguardo per la gara di domenica contro il Manchester United, non è escluso che operi per alcune seconde scelte nella formazione ideale.

Queste le parole di Koeman, raccolte da tuttomercatoweb: “Tutti i manager, nel passato, hanno preso molto seriamente le competizioni. Solo che alle volte è difficile, mentalmente, giocare al giovedì e poi nel weekend. Hai bisogno di qualche giorno per riposare. E’ una mentalità differente, adesso, per questa stagione, sappiamo che è una coppa molto difficile. Pure le squadre che vanno fuori dalla Champions giocheranno l’Europa League. Prima concentriamoci su domani, poi vediamo step by step”.

Sull’Atalanta: “In base alla mia esperienza, non è questione del nome della squadra. Qualsiasi italiana è difficile da battere, ho molto rispetto dell’Atalanta per quello che ha fatto nella scorsa stagione. Come l’Everton hanno perso giocatori e acquisito altri nuovi. Rooney è un grande giocatore, lo è stato sin dall’inizio, non parliamo ora di chi ci sarà perché prima devo parlare alla squadra. Per lui è molto importante perché l’anno scorso ha vinto il titolo”.

Probabili formazioni:

Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Caldara, Masiello; Castagne, Cristante, De Roon, Gosens; Ilicic; Gomez, Petagna. All. Gasperini

Everton (4-2-3-1): Pickford; Holgate, Keane, Jagielka, Baines; Besic, Davies; Lookman, Sigurdsson, Calvert-Lewin; Ramirez. All. Koeman