liga 8a giornata

Inter - Milan

Domenica 15 Ottobre ore 20:45

La partita perfetta finisce 0-0, ma Inter e Milan sono perfette? 

Non si tratterà certo del derby dei vari Van Basten, Ronaldo, Shevchenko, Zanetti, Maldini, Gattuso e uomini dei tempi d’oro, ma di sicuro questo derby della Madonnina si preannuncia molto più serio rispetto a quegli degli ultimi anni. Specie dopo la sconfitta della Juventus orfana di Bonucci…

Si tratterà di un derby tutto cinese e questo già lo sappiamo, ma si tratterà soprattutto di una sfida per l’Europa che conta. Perché aldilà delle rispettive partenze, opposte almeno nei risultati, l’obiettivo quest’anno è tanto chiaro quanto obbligato per entrambe: la Champions League. Tutto ciò che arriverà in più sarà oro colato, ciò che arriverà in meno verrà tradotto con una parola semplicissima: fallimento.

Partiamo da una premessa statistica, l’ultima volta che il derby di Milan ha offerto 3 pareggi consecutivi, era il 1937. 11 gli “1X” negli ultimi 12 precedenti “in casa Inter”. I rossoneri dovranno rinunciare a Kalinic autore di ben 4 reti in carriera contro i nerazzurri.

Signore e signori, buono studio!

Il Direttore

Il pronostico:

“Gol” (1.56) – rischio alto

Alternative: /

AGGIORNAMENTO: gara da tripla, quindi date le quote, se proprio dovessi scegliere, tra le due doppie chance, sceglierei l’“X2”.

Che derby mi aspetto?

L’“Under 3.5” (1.37) è ben quotato. L‘”Under 4.5″ è quotato 1.10, trattasi di un posticipo, non lo considererei neanche per fare bonus. La sosta, le assenze illustri e l’assenza di statistiche mature, fanno si che questo sia un classico derby da gustare più che da pronosticare!

Le due squadre presentano ancora troppi difetti per poter permettermi di sparare previsioni vestite di convinzione. A dirla d’istinto, non escludo una storica 3ª “X” (3.45) consecutiva. Icardi non ha ancora digerito l’ultima rimonta subita, ma prima della sosta non è parso ispiratissimo, e almeno per ora, i derby non sono stato il suo forte. La giocata “Bonucci segna si” (12.00), nonostante l’ex centrale bianconero abbia già segnato contro i nerazzurri, più che un’opportunità, è una tentazione.

Tornando agli assenti, da una parte mancherà Brozovic, dall’altra mancherà sicuramente Kalinic. Inter e Milan tra l’altro, non sono ancora affatto mature, né sul piano tattico né su quello psicologico. Da una parte Spalletti ha già denunciato le difficoltà a trovare sia un trequartista che un mediano concreto nei duelli fisici, dall’altra Montella non ha ancora risolto gli equivoci tattici inerenti soprattutto l’impostazione dell’azione, la mezzala sinistra e la coppia d’attacco.

E se Spalletti, ben consapevole dei problemi di spogliatoio nerazzurri del recente passato, non perde occasione per sottolineare l’importanza del gruppo, Montella si ritrova con una situazione molto diversa rispetto a quella dello scorso anno quando ereditò il gruppo liberato dai vari Mexes & Co. come in realtà era stato chiesto da Sinisa Mihajlovic. Ad oggi, stando a quanto denotiamo sul web, la fascia da capitano e il carattere di Bonucci, pare abbiano evidenziato la linea di demarcazione tra vecchi e nuovi giocatori rossoneri. Si si, il Milan ha problemi di spogliatoio.

Dunque? Se da un lato la tensione spinge a pensare ad un derby da “Under”, dall’altra, dobbiamo essere consapevoli del fatto che si ritroveranno faccia a faccia due squadre ancora molto imperfette. Gianni Brera diceva che la partita perfetta finisce 0-0… E dato che di perfezione in campo ce ne sarà poca, a favore di un “Under” restano solo la tensione e le statistiche difensive di un’Inter che però sinora ha giocato per lo più contro matricole.

Quanto alle statistiche, l’Inter a San Siro è reduce da 4 “1” consecutivi, mentre il Milan ha subito 3 “1” nelle ultime 4 gare giocate lontano da San Siro, ed è pure reduce da 2 sconfitte consecutive per 2-0. Fioccano “Gol Casa” e “Over 1.5” sia tra gli esiti degli uni che tra gli esiti degli altri e nonostante le ultimissime partite di entrambe le squadre abbiano offerto qualche “Under 2.5”. In particolare: tutte le prime 3 gare casalinghe dei nerazzurri hanno offerto l’“Under 3.5”, mentre il Milan è reduce da 16 “Over 1.5” consecutivi in Serie A. La “X” ritarda da 6 partite casalinghe per gli uni e da 9 partite complessive per gli altri.

Lo studio statistico: 

Esiti in comune tra le due squadre: “Under 2.5”, “1”

INTER (2°)

IN GENERALE (7 gare)

6 V (86%), 1 P (14%), MAI S

  • 2 vittorie consecutive
  • 6 vittorie nelle 7 gare
  • 7 gare consecutive senza sconfitte
  • 7 gare consecutive in cui segna almeno un goal
  • 4 “Under 2.5” nelle ultime 5 gare

IN CASA (3 gare)

3 V (100%), MAI P, MAI S

  • SEMPRE “1” (vittorie)
  • SEMPRE “Gol Casa”
  • 3 “No Gol Ospite” consecutivi
  • SEMPRE “Under 3.5”

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • 9 gare consecutive senza sconfitte
  • vittorie nelle ultime 9 gare
  • 20 gare in cui segna almeno un goal nelle ultime 22
  • 12 “12” (senza pareggi) nelle ultime 13 gare
  • “Over 1.5” nelle ultime 10 gare
  • “1” (vittorie) consecutivi in casa
  • “12” (senza pareggi) consecutivi in casa
  • 18 “12” (senza pareggi) nelle ultime 19 gare in casa
  • 21 “Gol Casa” nelle ultime 22 gare in casa
  • “No Gol Ospite” nelle ultime 4 gare in casa
  • 20 “Over 1.5” nelle ultime 22 gare in casa

MILAN (6°)

IN GENERALE (7 gare)

4 V (57%), MAI P, 3 S (43%)

  • SEMPRE “12” (senza pareggi)
  • 2 sconfitte consecutive
  • 4 vittorie nelle 7 gare
  • 5 “1” nelle ultime 6 gare
  • 2 gare consecutive in cui non segna goal
  • 5 gare in cui subisce goal nelle ultime 6
  • 3 “No Gol” consecutivi
  • SEMPRE “Over 1.5”
  • 3 “Under 2.5” consecutivi

IN TRASFERTA (3 gare)

1 V (33%), MAI P, 2 S (67%)

  • SEMPRE “12” (senza pareggi)
  • 2 “1” (sconfitte) consecutivi
  • SEMPRE “Over 1.5”

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • “12” (senza pareggi) consecutivi
  • 16 “Over 1.5” consecutivi
  • 21 gare in cui segna almeno un goal nelle ultime 23
  • 10 “12” (senza pareggi) nelle ultime 11 gare
  • 18 “Over 1.5” nelle ultime 19 gare
  • “Under 3.5” nelle ultime 10 gare
  • “Over 1.5” consecutivi in trasferta
  • “1” (sconfitte) nelle ultime 4 gare in trasferta
  • “1X” nelle ultime 9 gare in trasferta
  • “Gol” nelle ultime 9 gare in trasferta
  • “Gol Casa” nelle ultime 9 gare in trasferta
  • 13 “Gol Ospite” nelle ultime 14 gare in trasferta
  • “Over 2.5” nelle ultime 4 gare in trasferta
  • 10 “Over 1.5” nelle ultime 11 gare in trasferta

News dai campi:

Qui Inter.
Dopo le risposte dedicate alle provocazioni di Montella e Mirabelli, Spalletti si è concentrato sulle questioni psico-tattiche. Sul rendimento della difesa: “È sicuramente una qualità, però per il momento, è troppo presto, qualche volta abbiamo concesso troppo e su questo dobbiamo migliorare. Noi dobbiamo ambire a giocare bene le partite importanti“.

Poi ha sottolineato l’importanza del gruppo: “Quello che fa la differenza è sempre la squadra e noi sull’appartenenza stiamo lavorando molto. È il gruppo che riconquista la palla e fa goal”. Cercare di essere dominanti può essere pericoloso contro i contropiedisti del Milan? “Non riusciamo a fare altrimenti. Vogliamo andare a prendere la palla e attaccare anche se non sarà facile“.

Quanto è importante vincere? “Vincere il derby darebbe 3punti e poi anche un bel carico di entusiasmo e ottimismo. Montella ha a disposizione una grande squadra, la più forte rispetto alle altre volte che ci siamo sfidati. Non sarebbe tagliato fuori ma saprebbe come riorganizzarsi. Questa gara ci farà capire che strada stiamo seguendo”.

Qui Milan.
Si va verso il 3-5-2 con l’ex Bonucci titolare al centro della difesa e Suso alle spalle dell’unica punta André Silva con Cutrone pronto a subentrare eventualmente a partita in corso. Su Suso e Bonaventura: “Hanno lavorato duramente. Entrambi hanno grandi qualità e mi aspetto tantissimo da loro. Si sono calati nel 3-5-2 e li vedo migliorati rispetto a qualche settimane fa”.

Sui cugini nerazzurri: “Sono molto equilibrati ed esperti. Sanno alzare ed abbassare il ritmo, poi davanti hanno qualità e corsa. Dobbiamo stare attenti a non lasciargli campo e spazio, soprattutto per i cross. Rimango impressionato dalla comprensione che ha delle gare. Icardi ha corsa e qualità, dobbiamo evitare di fargli arrivare rifornimenti”In caso di sconfitta sarebbe -10: “Non lo vedo perché io contemplo solo la vittoria (ride, ndr). Ma domani non ci sarà nessun verdetto, il campionato è lunghissimo”

Su Bonucci: “Sta bene fisicamente e a livello di prestazioni ci aspettiamo di più. Sono però convinto che alzerà la sua prova. Ora è un momento così, al minimo errore è colpevole di tutto, ma lui è forte e sa questa cosa. Sa difendersi e non ho alcun tipo di preoccupazione in merito alla sua situazione. Leonardo è un giocatore del quale non ci pentiremo mai, è un valore di oggi e del domani. Non so cosa venga raccontato e cosa venga scritto, al Milan seguiamo tutti una sola anima. Vecchi o nuovi, giovani o meno giovani, chi non ci segue non è un vincente. Questi spifferi non esistono, tutti seguono la mia indicazione. So perché alcuni dicono certe cose…“.

Sullo spogliatoio e la fiducia dichiarata della società: “Assolutamente sì, ho il controllo. Lo sento e lo respiro, c’è voglia di rivalsa e siamo un gruppo coeso. Dobbiamo crescere nelle difficoltà, dimostrando di saper reagire nei momenti duri. “Ci sentiamo tutti i giorni, sono molto presenti. Mirabelli poi è sempre a Milanello. Si stanno comportando in maniera ottima, non ho alcun alibi su questo. Mi danno libertà su tutto e sostegno assoluto, sto trovando delle persone perfette nei miei confronti”.

I precedenti tra Spalletti e Montella

  1. Milan –  Roma 1-4 (Serie A 16/17)
  2. Roma – Milan 1-0 (Serie A 16/17)
  3. Roma – Sampdoria 2-1 (Serie A 15/16)

Probabili formazioni:

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Skriniar, Nagatomo; Borja Valero, Vecino; Candreva, Joao Mario, Perisic; Icardi. Allenatore: Luciano Spalletti
Indisponibili: Vanheusden, Brozovic
Squalificati: /

Milan (3-4-2-1): Donnarumma; Bonucci, Musacchio, Romagnoli; Borini, Kessié, Biglia, Rodriguez; Bonaventura, Suso; Silva. Allenatore: Vincenzo Montella
Indisponibili: Conti, Gomez, Antonelli, Kalinic
Squalificati: Calhanoglu