05-27-champSITO

REAL MADRID - ATLETICO MADRID

SABATO 28 MAGGIO, ORE 20:45

Zidane è reduce da una serie in corso di addirittura 7 “No Gol” consecutivi… La serie prosegue o si interrompe?

Intanto la premessa tecnica è una e una sola, la seguente:

l’unico dubbio sul trionfo dei Colchoneros è legato al fatto che questa volta l’Atlético in finale ci arriva quasi da favorito. E per giunta contro una squadra che, seppur in modalità “ignorante”, a differenza di Barcellona e Bayern Monaco, mostra maggiore attenzione alla fase difensiva e che sintetizza quella offensiva con unico concetto: il contropiede ancelottiano.

Argentina – Germania, Ali – Frazier, Nadal – Federer, Spurs – Heat, Milan – Liverpool. Il destino sportivo è strano, imprevedibile, emozionante. La voglia di riprendersi ciò che ti è stato strappato via dalle mani è enorme, non riesci a pensare ad altro. Tutto sta però nel non farti condizionare negativamente, ma nel captare energie positive. La vendetta è un male, si finisce per fare come i Patriots contro i Giants nel 2012; riprendersi ciò che il destino ti ha tolto, invece, quello sì che è il vero impulso, la vera sfida.

E’ ancora lotta tra dei: Nettuno contro Cibele. Due anni fa quest’ultima si è vestita di bianco-viola, mentre Nettuno ripuliva la sua piazza ancora sporca dei festeggiamenti di un campionato straordinario, ma probabilmente reso più insipido da quella sconfitta. Gli dei si affidano nuovamente agli stessi 22 interpreti per mettere in atto un’altra estenuante sfida fra cugini.

Blancos contro rojiblancos, indios contro vikingos, galacticos contro colchoneros: chiamatela come volete. Oggi, alla Scala del Calcio, c’è una finale di Champions in programma: c’è Real Madrid – Atlético Madrid.

Ecco le quote sulla giocata “Vincente della competizione”:

  • Vincente Real Madrid: 1.66
  • Vincente Atletico Madrid: 2.10

Il pronostico:

“X2” (1.56) – rischio medio; “Vincente Atlético Madrid” (2.10) – rischio alto

Solitamente l’Atlético tende a complicarsi la vita e questo rende meno fluido il pronostico nei 90 minuti. Questo stesso concetto, lo abbiamo sottolineato alla vigilia della gara di ritorno col Bayern per la quale abbiamo pronosticato correttamente anche il “2-1 esatto” (Clicca qui per rileggere quell’articolo).

Questa volta, data l’impossibilità di giocare con i calcoli casa/trasferta, riteniamo meno semplice pronosticare il risultato esatto. Tant’è che nel gioco delle ipotesi, a priori, non escludiamo neppure uno “0-2” o addirittura uno “0-3″ finale a favore dell’Atléti.

Sia la statistica che la tattica suggeriscono l'”Under 2.5″ o magari l'”Under 3.5″ in combo con l'”X2”, ma i fattori umani legati a QUESTO derby, fanno si che tali soluzioni non ci entusiasmino.

Lo studio:

In Champions il Real Madrid è reduce da 7 “No Gol” consecutivi, di queste ultime 7 gare ne ha chiuse ben 6 senza reti al passivo.

L’Atlético dal canto suo, di “No Gol” ne ha offerti ben 8 in 12 gare complessive di Champions.

Ma la cosa che più sorprende, è che in questa Champions gli “Under 2.5” del Real (8 su 12) sono stati più numerosi degli “Under 2.5” dei colchoneros (7 su 12).
Da Piccinini a Sacchi, da Sacchi a Gattuso, da Gattuso a Pablito, ormai lo sanno tutti: il contropiede ignorante è quello dei Galacticos, i Colchoneros invece, fanno un meraviglioso calcio organizzatissimo, geometrico, tutto cuore e cervello, necessario per colmare il gap con squadre dal fatturato cinque volte più grande.

 

Il punto del nostro analista di Liga:

Partiamo subito da un punto fermo: lo diciamo ormai già dagli ottavi di finale e, ora più che mai, crediamo fermamente nella vittoria dell’Atlético Madrid. Voglia, organizzazione tattica ed un’intera stagione costruita su questo obiettivo: i colchoneros meritano e vogliono prendersi questa coppa con i denti.

Detto questo, passiamo all’analisi del match che vorremmo suddividere in punti tattici che potrebbero essere decisivi nell’economia del match di entrambe le squadre.

Come il Real può battere l’Atlético

Modric – Kroos – Casemiro: il croata ed il tedesco dovranno far muovere velocemente come mai hanno fatto sino ad ora per trovare buchi all’interno di una difesa quasi infallibile. Dal canto suo Casemiro dovrà essere decisivo in fase difensiva: Saul e Koke sono bravissimi ad attaccare lo spazio ed il brasiliano dovrà molte volte scalare a fare da terzo centrale con Ramos e Pepe.

Correre: tanto, tantissimo. Contro i colchoneros non è di certo facile, ma i blancos hanno le armi giuste per aggirare i laterali rojiblancos e rompere lo scudo di Simeone.

Calci piazzati: possono essere fondamentali in un match che probabilmente sarà bloccato. L’Atlético ha molto potenziale in questo senso, ma il Real (soprattutto con Ramos) non è da meno. Decima docet.

Concretezza: l’Atlético non avrà molte occasioni, al contrario di un Madrid che potrebbe crearne parecchie. Per questo sarà fondamentale che la BBC sia più cinica che mai.

Marcelo: è stata la chiave di volta nella vittoria di Lisbona. Il terzino brasiliano ha la capacità di dare strappi in velocità che possono cambiare totalmente la partita in qualsiasi momento. I colchoneros soffrono questo tipo di giocatori.

Come può l’Atlético battere il Real Madrid

Vincere a centrocampo: dominare quella zona del campo potrebbe valere mezza finale per l’Atlético. Bloccare la qualità di Modric e Kroos dimezzerebbe le occasioni create dai blancos.

Focalizzare il pressing: dopo il match d’andata contro il Barça, Simeone confessò di aver impostato il pressing dei suoi per indurre i blaugrana ad impostare l’azione utilizzando il piede mancino di Mascherano. Probabile che l’obiettivo in questa partita sarà Pepe.

Fasce laterali: interessante la lotta Saul-Marcelo. Spesso l’Atlético decide di rinviare a palla alta proprio in quella zona del campo. Probabile che la dinamica verrà riproposta al fine di creare un mismatch praticamente quasi a totale favore dello spagnolo. Inoltre sarà importantissimo che i terzini dei colchoneros attacchino costantemente. Questo costringerebbe Bale e CR7 a ripiegare anche in fase difensiva, riducendo così la tenuta fisica degli assi dei blancos.

Evitare i contropiedi: vietato perdere palla in avanti. Il Real è micidiale in contropiede: rimanere concentrati eviterebbe agli “atleti” del Real di esprimere tutto il loro potenziale.

Seconde palle: l’Atlético è bravissimo ad attaccare i portatori di palla, ma lo è altrettanto nell’arrivare prima sui rimpalli. La finale potrebbe giocarsi anche su questo tipo di situazioni.

I precedenti in stagione:

  • Atlético Madrid – Real Madrid 1 – 1 (Liga andata)
  • Real Madrid – Atlético Madrid 0 – 1 (Liga ritorno)

News dai campi:

Qui Real Madrid. Convocata tutta la rosa dei blancos da Zidane. La formazione dovrebbe essere confermata: 4-3-3 con Pepe e Ramos centrali, Carvajal e Marcelo gli esterni; centrocampo a 3 dove Casemiro farà da perno duro insieme a Modric e Kroos; BBC in avanti. Varane infortunato.

Dalle parole dello spogliatoio blancos, si evincono le intenzioni tattiche che non dovrebbero essere molto diverse appunto da quelle dichiarate.

Marcelo: “Qual è la chiave per vincere? In una finale credo che ciò che decide sono i dettagli. I piccoli particolari sono ciò a cui stiamo pensando, dovremo lavorare con intensità, correre molto e sbagliare poco.
Sappiamo perfettamente cosa dobbiamo fare, ci sta dando le sue istruzione e noi le rispetteremo. Dovremo sbagliare il meno possibile e giocare da squadra. Dovremo lottare
“.

Zidane: “Ancelotti ha detto che sono difficili da affrontare e sono pronti a punirti subito. In generale in Champions bisogna essere sempre svegli perché i giocatori hanno grandi qualità e le partite si perdono facilmente. Se non dovessimo vincere non è una stagione fallimentare ma un’opportunità persa. Il Real ha subito meno gol di tutti, la chiave sarà la difesa? 
, se non subiamo gol sarà più facile vincere. Bisogna essere molto concentrati fino alla fine della partita. Più importante difendere o attaccare bene?La cosa più importante è difendere bene soprattutto quando non si ha la palla. Poi abbiamo le nostre armi in attacco per colpire. Dovremo correre molto, il tutto sta lì“. 

Qui Atlético Madrid. Tutti a disposizione del Cholo, che ha convocato a Milano praticamente tutta la rosa. Unico dubbio sostanziale in difesa al fianco di Godin: ballottaggio tra Giménez e Savic. Attacco con Torres e Griezmann; Augusto, Gabi, Koke e Saul i 4 di centrocampo.

Torres: “Per quanto possa aver vinto con altre maglie, domani sarà la gara più bella e importante della mia vita. Vincere con l’Atletico sarebbe speciale, sarebbe diverso. Questo è il club per cui tifavo da quando avevo 5 anni, è quello che mi ha permesso di diventare un giocatore. La partita di domani è quella che sognavo quando ero bambino”.
Le parole del Cholo le ha riassunte Simeone stesso ai microfoni italiani: “Vincere vincere vincere“.

I precedenti in Champions League:

  • Questo è il 4° incrocio nella massima competizione europea tra le due squadre. Per leggere il nostro approfondimento sui precedenti, clicca qui;
  • Real e Atletico si ritrovano in finale di Champions League per la 2ª volta in 3 anni. 2 anni fa, Real e Atlético si sono affrontate a Lisbona nella prima finale di Coppa dei Campioni tra due squadre della stessa città;
  • solo 13 dei 22 giocatori che scesero in campo nel 2014 sono ancora nelle rispettive squadre:
  • 7 nel Real Madrid: Carvajal, Ramos, Pepe, Modrić, Bale, Benzema, Ronaldo
  • 6 nell’Atletico Madrid: JGodín, Filipe Luís Tiago, Koke, Gabi, Raúl García

Curiosità:

  • Real e Atlético nelle speciali classifiche di Champions per miglior difesa e miglior attacco di tutti i tempi:
  • il Real Madrid comanda la classifica di tutti i tempi in Champions come squadra che ha segnato più reti: 493 in 21 partecipazioni
  • l’Atletico è 20° nella classifica di tutti i tempi in Champions come squadra che ha segnato più reti: 67 in 7 partecipazioni
  • il Real è  anche nella classifica delle squadre che hanno subito più reti in Champions di tutti i tempi: 241 reti subite in 21 partecipazioni
  • l’Atletico è 45° nella classifica delle squadre che hanno subito più reti in Champions di tutti i tempi: 55 reti subite in 7 partecipazioni in Champions
  • quella di San Siro è la 6ª finale di Champions League in cui si affrontano squadre della stessa nazione. Il Real Madrid ne ha vinte due delle cinque precedenti, contro il Valencia CF nel 2000 (3-0) e l’Atlético nel 2014;
  • questa è la 14ª finale di Coppa dei Campioni per il Madrid;
  • per l’Atletico si tratta della 3ª finale di Champions della sua storia. Nessuno ha perso 3 finali di Champions senza vincerne almeno una. Potrebbe toccare proprio all’Atletico, che ha perso già nel 1974 e nel 2014
  • in caso di vittoria a Milano, l’Atlético diventerebbe la 23ª squadra a vincere la Coppa dei Campioni, ma anche la prima nuova squadra a riuscirci dopo il Chelsea FC nel 2012 a Monaco;
  • questa è la 27ª finale del Real Madrid nelle competizioni UEFA. Oltre alle 13 presenze in finale di Coppa dei Campioni, gli spagnoli hanno vinto quella di Coppa UEFA 1985 e 1986 e sono arrivati secondi in Coppa delle Coppe nel 1971 e 1983. Nel 2002 e 2014 hanno vinto la Supercoppa UEFA dopo averla persa nel 1998 e 2000. Inoltre, hanno vinto la Coppa Intercontinentale nel 1960, 1998 e 2002, perdendola nel 1966 e 2000;
  • Zidane, autore del gol della vittoria del Real nella finale del 2002, potrebbe diventare il 7° a vincere la Coppa dei Campioni sia da giocatore che da allenatore;
  • il bilancio del Real Madrid contro le squadre spagnole è 10 vittorie, 5 pareggi, 3 sconfitte. Le merengues non perdono in Europa contro le connazionali da 5 partite, ovvero dal 2-0 casalingo contro il Barcellona nella semifinale di andata del 2010/11;
  • il bilancio dei blancos in questa stagione in Champions è 9 vittorie, 2 pareggi, 1 sconfitta, 27 goal fatti, 5 goal subiti. L’unica sconfitta è stata quella contro il VfL Wolfsburg all’andata dei quarti di finale; dieci le partite senza subire gol;
  • il bilancio del Real ai calci di rigore nelle competizioni europee è 1 vittoria e  2 sconfitte
  • l’Atlético ha totalizzato 7 vittorie e appena 3 sconfitte in 13 gare europee contro le squadre spagnole;
  • l’Atlético ha subito 3 sconfitte in questa edizione di Champions League, con 6 vittorie e 3 pareggi. Nella fase a eliminazione diretta non ha mai vinto lontano dal Vicente Calderón, pareggiando 0-0 contro il PSV Eindhoven agli ottavi e perdendo 2-1 contro Barcellona e Bayern Monaco;
  • Simeone potrebbe diventare il terzo allenatore non europeo a vincere la Champions League. I primi due sono stati i connazionali Luis Carniglia (Madrid 1958, 1959) ed Helenio Herrera (FC Internazionale Milano 1964, 1965);
  • 9ª finale italiana, la 4ª a Milano. 4 anche a Roma, una a Bari. In 4 occasioni si è andati ai rigori, compresa la prima volta in assoluto (1984, Roma-Liverpool) che si è assegnata la competizione dal dischetto. A Milano hanno già vinto Inter (1965), Feyenoord (1970) e Bayern (2001). In Italia, per numero di titoli, comandano Inghilterra (Liverpool 2) e Italia (Inter, Juve);
  • Comunque vada, 3ª Champions di fila a un club della Liga. In caso di vittoria per l’Atletico sarebbe il 3° club diverso in tre stagioni. Non è mai successo: al massimo il calcio inglese espresse tre squadre campioni in sei anni negli Anni 70 (Liverpool, Nottingham Forest e Aston Villa). Secondo derby che vale la coppa in tre stagioni e sorpasso su Milano: 11 coppe comunque vada la capitale spagnola, 10 il capoluogo lombardo (7 Milan, 3 Inter) che non è più la città con più Champions in Europa;
  • Dopo 836 giorni si gioca una partita di Champions a San Siro: l’ultima, febbraio 2014, andata ottavi di finale, la vinse proprio l’Atletico 1-0 con il Milan (Diego Costa).

Statistiche sui calciatori

  • dopo le reti nelle finali del 2008 e 2014, con le maglie di Manchester United FC e Madrid, Ronaldo potrebbe diventare il primo a segnare in tre finali di Champions League. Il portoghese è uno dei quattro ad aver segnato in due finali; gli altri sono Raúl González (2000, 2002), Samuel Eto’o (2006, 2009) e Lionel Messi (2009, 2011);
  • Ronaldo ha segnato 16 gol in questa edizione di UEFA Champions League, arrivando a una lunghezza dal suo record in una singola stagione europea stabilito nel 2013/14.
  • Ronaldo ha segnato 16 gol in questa edizione della competizione, ed è a un solo centro dall’eguagliare il suo stesso record per una singola stagione europea, 17 reti siglate nel 2013/14;
  • avendo segnato 4 gol nelle sue ultime due partite, Ronaldo ha chiuso al secondo posto la classifica marcatori della Liga in questa stagione dietro Luis Suárez del Barcellona (40) con 35 reti, ed è il primo giocatore nella storia del campionato spagnolo ad aver segnato 30 gol in sei stagioni consecutive;
  • Ronaldo è anche diventato il primo giocatore a segnare 50 o più gol con il club per la sesta stagione di fila;
  • Jan Oblak ha mantenuto la rete inviolata per 24 partite nella Liga in questa stagione, meglio di qualsiasi altro portiere nella storia dell’Atlético;
  • Griezmann ha segnato 32 gol in tutte le competizioni in questa stagione, con 22 centri nella Liga – ha così eguagliato il suo bottino del 2014/15;
  • Griezmann è stato l’unico giocatore di movimento dell’Atlético a giocare ogni partita della Liga (36 partite da titolare e due da subentrato), e a giocare ogni gara di Champions League;
  • Torres ha segnato 7 gol nelle sue ultime 10 gare da titolare della stagione e ha chiuso la stagione della Liga con 11 reti; ha segnato più di dieci gol in un campionato per la prima volta dal 2009/10.

Probabili formazioni:

Real Madrid (4-3-3): Navas; Carvajal, Pepe, Ramos, Marcelo; Kroos, Casemiro, Modric; Bale, Benzema, C. Ronaldo. All: Zidane

Atlético Madrid (4-4-2): Oblak; Juanfran, Godín, Giménez, Filipe Luis; Augusto, Gabi, Koke, Saúl; Griezmann, Torres. All: Simeone

REAL MADRID

IN TOTALE (12 gare)

  • 9 vittorie, 2 pareggi, 1 sconfitta
  • 27 gol fatti, 5 gol subiti

I PRONOSTICI

IN TOTALE (12 gare)

  • 7 “1″, 2 “X”, 3 “2″
  • 9 “1X”, 5 “X2″, 10 “12″
  • 1 “Gol”, 8 “Gol Casa”, 3 “Gol Ospite”
  • 8 “Over 1.5″, 4 “Over 2.5″
  • 9 “Under 3.5″, 8 “Under 2.5″

LE SERIE IN CORSO PIU’ INTERESSANTI

IN TOTALE (12 gare)

  • Real Madrid reduce da 7 “No Gol” consecutivi

I RISULTATI (in neretto i risultati in casa)

  1. Real Madrid – Shakhtar Donetsk 4-0
  2. Malmo – Real Madrid 0-2
  3. PSG – Real Madrid 0-0
  4. Real Madrid – PSG 1-0
  5. Shakhtar Donetsk – Real Madrid 3-4
  6. Real Madrid – Malmo 8-0
  7. Roma – Real Madrid 0-2
  8. Real Madrid – Roma 2-0
  9. Wolfsburg – Real Madrid 2-0
  10. Real Madrid – Wolfsburg 3-0
  11. Manchester City – Real Madrid 0-0
  12. Real Madrid – Manchester City 1-0

ATLETICO MADRID 

IN TOTALE (12 gare)

  • 6 vittorie, 3 pareggi, 3 sconfitte
  • 16 gol fatti, 7 gol subiti

I PRONOSTICI

IN TOTALE (12 gare)

  • 6  “1″, 3 “X”, 3 “2″
  • 9 “1X”, 6 “X2″, 9 “12″
  • 4 “Gol”, 8 “Gol Casa”, 5 “Gol Ospite”
  • 8 “Over 1.5″, 5 “Over 2.5″
  • 11 “Under 3.5″, 7 “Under 2.5″

LE SERIE IN CORSO PIU’ INTERESSANTI

IN TOTALE (12 gare)

  • Atlético reduce da 9 “Under 3.5″ consecutivi

I RISULTATI (in neretto i risultati in casa)

  1. Galatasaray – Atlético Madrid 0-2
  2. Atlético Madrid – Benfica 1-2
  3. Atlético Madrid – Astana 4-0
  4. Astana – Atlético Madrid 0-0
  5. Atlético Madrid – Galatasaray 2-0
  6. Benfica – Atlético Madrid 1-2
  7. PSV – Atlético Madrid 0-0
  8. Atlético – PSV 0-0 (8-7 ai rigori)
  9. Barcellona – Atlético Madrid 2-1
  10. Atletico – Barcellona 2-0
  11. Atletico – Bayern 1-0
  12. Bayern – Atlético 2-1