liga 6a giornata

JUVENTUS - SIVIGLIA

MERCOLEDI’ 14 SETTEMBRE ORE 20:45

Senza perdere tempo, quali sono i punti deboli con cui potrebbe fare i conti la Juve in questa attesissima edizione della Champions League?

  1. Il peso di essere entrata mediaticamente tra le favorite (I bianconeri non possono più nascondersi dietro il vantaggio psicologico di giocare senza aver nulla da perdere)
  2. La sudditanza psicologica dello zoccolo bianconero (fin qui il più importante) nei confronti della Coppa (parliamo di tutti, Buffon in primis, il più timido tra l’altro già nelle prime dichiarazioni di questa nuova stagione)
  3. La presunta mancata leadership di Massimiliano Allegri (Un esempio? Mentre ogni singolo ignorante sulla faccia della terra lo scorso anno ha scaricato le responsabilità dell’eliminazione su Evra, Allegri se l’è presa pubblicamente con Mandzukic “reo di aver schiacciato troppo la sua squadra col movimento a venire incontro” nonostante le indicazioni opposte ordinategli”. Bene, se un uomo non ascolta il suo condottiero, bisogna farsi un paio di domande. Non sempre le questioni interne può risolverle Marotta, Marotta non può scendere in campo oltre che nello spogliatoio.

 

Fatto sta che Allegri quest’anno ha una rosa davvero competitiva. Higuain ha seri problemi psicologici e statistici con i trofei internazionali, ma Khedira è affamato (per esempio non vede l’ora di celebrare la 50ª presenza in Champions) e Dani Alves potrebbe aver portato quella sfrontatezza che in casa bianconera serviva come il sole all’inverno. Dybala? Fisicamente l’anno scorso ha sofferto la gara col Bayern (non è una questione di centimetri, ma di scaltrezza nella difesa del pallone), ma FAME, voglia, personalità, classe, e determinazione si stanno confermando da top player presente, o quanto meno futuro prossimo.
E poi diciamocela tutta, Allegri è un abilissimo gestore, capace come pochi altri allenatori in Italia e soprattutto in Europa di preparare le partite a misura dell’avversario di turno. E questa dote non va sottovalutata, la Juve è stata fatta fuori dal Bayern per demeriti psicologici anche suoi, ma è stata vicina a far fuori il Bayern proprio grazie all’intelligenza di Max.

Detto questo, colgo l’occasione per sottolineare che siamo in totale disaccordo con Arrigo Sacchi che ultimamente, nell’analisi del calcio, sembra troppo legato alla sfera razionale e poco ricettivo sul piano spirituale. Giustamente sottolinea i limiti delle fasi offensive di Allegri che per quanto preparatissimo sul piano difensivo, lascia che le azioni d’attacco siano figlie dell’improvvisazione individuale. Su questo Arrigo ha ragione. Ma sostenere che in Champions vince solo chi comanda il gioco attraverso il possesso del pallone è una emerita STRONZATA, ma di quelle grosse, da censura. Volete delle prove empiriche? Il Real Madrid ha vinto le ultime 2 Champions con difesa & contropiede, l’Atlético di Simeone è arrivato 2 volte in finale grazie a difesa & contropiede, il Bayern stratosferico degli ultimi anni la Champions l’ha vinta contro chi dominava il possesso del pallone (il Dortmund di Klopp), ma ha preso ceffoni da tutte le contropiediste: dall’Atlético di Simeone, dal Chelsea difesa & contropiede di Di Matteo (che poi alzò la coppa) e dall’Inter di Mourinho (detentrice del Triplete). Questi sono fatti. Il resto è chiacchiericcio da salotto.

Signore e Signori, Buono studio!

Il Direttore

p.s.
Interessante l’autoanalisi di Max Allegri, magari… ha deciso di dare una sterzata alla sua carriera?

“Ti sei scocciato di perdere per episodi?” gli hanno chiesto.
“No, perché alla fine penso che se è andata così è perché ce lo siamo meritati. Mi sono scocciato di essere così modesto, devo cercare di fare di più. Perché quello che ho fatto fino a oggi non è bastato e penso che i margini di miglioramento ci siano fino all’ultimo giorno di carriera, penso che si possa ambire di migliorare come squadra e individualmente”.

 

Il pronostico:

“Gol Casa” (1.11) – rischio basso; Higuain segna si” (1.95) – rischio alto

Alternative: “Over 1.5” (1.27) – rischio medio; “1” (1.53) – rischio alto; “1X + Over 1.5″ (1.44) – rischio alto

L”Under 1.5 1° Tempo” (1.36) stile Allegri lo lasciamo per avversari più tattici e per altri momenti della stagione. Gonzalo potrebbe segnare. Risulta ancora paffutello, ma come dicono spesso i suoi allenatori, quando sta bene di testa, sta bene! È il genere di partita dalla posta in palio ancora poco pesante, che sinora è parsa ideale per la sua dimensione psicologica. Tra l’altro un piccolo desiderio di riscatto nei confronti di Sampaoli potrebbe animarlo ulteriormente.

Il Siviglia è la tipica vittima preferita di Allegri; il Siviglia è bello, sbarazzino e pure suicida. La squadra di Sampaoli sembra molto diversa dal Cile di Medel, Vidal e Sanchez che ha strappato la Coppa America a Lionel Messi. Si tratta di una squadra super offensiva, e lo stesso Vazquez lo ha dichiarato: “Sampaoli ci dice sempre di attaccare attaccare attaccare”. I primi risultati lo dimostrano, l’unica gara chiusa a porta inviolata è arrivata in casa del Villareal in quella che è sembrata una partita di Liga ai fini del biscotto di inizio stagione piuttosto che del risultato. I sincronismi degli andalusi oltre a puzzare di idealismo, non appaiono ancora ben oleati, e la Juve, contrariamente alle tradizionali tendenze di inizio stagione di Allegri, sembra partita già discretamente. In casa i bianconeri hanno dimostrato di voler imporre la nuova identità (più tecnica e meno fisica), pur non rinunciando all’arguzia contropiedista tipica del pensiero bianconero (L'”1-0 sul Sassuolo è arrivato come? In CONTROPIEDE). 2-1 e 3-1 i primi risultati casalinghi della compagine bianconera. Allegri e i suoi non dovrebbero aver dimenticato come si fa presto a buttare un 1° posto nel girone, e a ricordarlo a tutti, ci sarà proprio la maglia del Siviglia che l’anno scorso costò quel sorteggio durissimo!
Dybala cerca la sua 1ª rete stagionale, nonostante Allegri gli abbia chiesto di giocare più largo e in posizione più arretrata, ci è già andato più volte molto vicino. In Champions è fermo a quota 1, e anche oggi gli toccherà innanzitutto contribuire ad innescare le verticalizzazioni di Higuain e gli inserimenti di Khedira (entrambi in odore di marcatura tra quelle maglie larghe andaluse).

Se la Juve sbaglia questa partita, significa che non ha capito nulla e che la sudditanza nei confronti della competizione non è stata vinta.

 

Lo studio:
Juventus
reduce da 3 vittorie consecutive in campionato nelle quali ha segnato sempre almeno 1 rete, 15 “12” consecutivi. Tra la scorsa e l’attuale stagione, 18 “1” consecutivi in campionato allo Stadium per i bianconeri e 20 “Gol Casa”. SEMPRE “1X” in casa in Champions nella scorsa stagione per i bianconeri.
Siviglia reduce da 3 “1X” consecutivi in campionato. 20 “1X” consecutivi in trasferta per il Siviglia tra la scorsa e l’attuale stagione in campionato.

 

News dai campi:
Qui Juventus. Allegri, rispetto all’ultima gara di campionato contro il Sassuolo, schiererà Dani Alves e Barzagli dal 1° minuto. A centrocampo verrà confermato Pjanic, mentre in attacco ancora spazio alla coppia Higuain-Dybala. Unici assenti Marchisio e Sturaro.
Qui Siviglia. Sampaoli dovrà fare a meno di Soria, Tremoulinas e Krohn-Delhi, mentre Vietto e Carriço restano in dubbio. Il Siviglia il Liga è imbattuto in campionato ed è a soli 2 punti di distanza dal Real capolista a punteggio pieno.

 

I risultati in campionato della Juvenntus (dal più recente al meno recente):

  1. Juventus – Sassuolo 3-1 (3ª giornata)
  2. Lazio – Juventus 0-1 (2ª giornata)
  3. Juventus – Fiorentina 2-1  (1ª giornata)

 

I risultati in campionato del Siviglia  (dal più recente al meno recente): 

  1. Siviglia – Las Palmas  2-1  (3ª giornata)
  2. Villarreal – Siviglia 0-0   (32ª giornata)
  3. Siviglia – Espanyol 6-4  (1ª giornata)

 

Curiosità:

  • i 2 precedenti della passata Champions League:
  1. Juventus – Siviglia 2-0 (andata)
  2. Siviglia – Juventus 1-0 (ritorno)
  • La Juventus è imbattuta da 17 gare interne consecutive nelle competizioni UEFA, una striscia iniziata nell’aprile 2013
  • L’anno scorso il Siviglia ha vinto la UEFA Europa League dopo essere stata eliminata alla fase a gruppi di UEFA Champions League

 

Probabili formazioni:
Juventus (3-5-2):
 Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Dani Alves, Khedira, Pjanic, Asamoah, Evra; Dybala, Higuain. All.: Allegri
Siviglia (4-2-3-1): Rico; Mariano, Rami, Carrico, Kolodziejczak; N’Zonzi, Iborra; Vazquez, Vitolo, Nasri; Ben Yedder. All.: Sampaoli

I FATTORI CHIAVE DELLA V.ENTELLA NELLA SCORSA SERIE B

I FATTORI CHIAVE DEL PISA NELLA SCORSA LEGA PRO B