Juventus - Napoli

Martedì 28 febbraio ore 20:45

I passaggi in bianconero dei vari Buffon, Altafini (il Core ‘Ngrato), Ferrara e Cannavaro nel corso degli anni hanno via via trasformato la rivalità socio – politica tra queste due identità in rivalità quasi puramente calcistica. L’antagonismo sportivo ha raggiunto i suoi picchi più epici ai tempi della sfida Platini – Maradona. A proposito, pagherei a peso d’ oro per sognare ad occhi aperti un duello tra quel francese vestito da piemontese e l’argentino in abito napoletano.

Resta il fatto che ad oggi, ad ogni Juventus – Napoli, tutta Napoli e ciascun napoletano, persino Caterina Balivo, non perde occasione per sognare la metafora del riscatto, dell’emancipazione da quell’Italia che non gli appartiene e non può appartenergli.

Ecco spiegato perché a prescindere dalla competizione, a prescindere dalla posta in palio, a prescindere da ogni didascalia, anche questa volta Juventus – Napoli sarà JUVENTUS – NAPOLI! Si, ci si può riempire la bocca, fatelo!

Prima di cominciare, innanzitutto allontaniamo dal cuore ogni forma di malinconia crepuscolare e scacciamo più lontano possibile dal cervello la retorica giornalistica che va per la maggiore. Insomma, precisiamolo subito: non si tratta affatto della sfida tra l’organizzazione aziendale piemontese e la passione ardente partenopea. Bazzecole, quisquilie, pinzellacchere.

Semmai è vero il contrario, dato che le menti e i cuori pulsanti di Uomini come Bonucci, Chiello, Mandzukic, Sturaro e Lichtseiner, questo Napoli se li scorda! Di fatti siamo di fronte alla sfida tra il miglior gioco di letture individuali di Serie A e probabilmente il miglior gioco di schemi d’Europa. E una cosa simile ve la scrissi anche per motivarvi l’”1” fisso del Real Madrid.

Già, gli schemi… Questo Napoli troppo spesso appare uno SCHEMA CHE CAMMINA senza consapevolezza, a dire il vero anche per volere e demeriti del proprio allenatore. Colui che, partita dopo partita, continua a fraintendere il calcio, scambiandolo per teatrino, sfilata, esibizione. Sarri probabilmente sta pagando la tipica vanità borghese che lo costringe a specchiarsi nelle sue geometrie. Oh, per essere più chiari: Sarri allena per il gioco e non per il risultato. Male, dato che il bisogno del risultato si sa, aguzza l’ingegno e la capacità di adattamento di quelli che hanno fame di vincere.

E così anche contro le marcature individuali di Gasperini, Narciso è scivolato dolce dolce nella solita tentazione. Si è specchiato, ha smarrito la preda, ed è cascato di nuovo nello stagno delle sue idee.

Vogliamo qualche prova statistica? Possiamo trovarla nei momenti cruciali affrontati dal Napoli di Sarri in poco più di un anno mezzo. Partiamo:

  1. Villareal – Napoli 1-0 (sedicesimi di Europa League – gara di andata)
  2. Napoli – Villareal 1-1 (sedicesimi di Europa League – gara di ritorno)
  3. Juventus – Napoli 1-0 (sfida scudetto Serie A 2016)
  4. Roma – Napoli 1-0 (scontro diretto per il 2° posto nella Serie A 2016)
  5. Napoli – Inter 0-2 (quarti di Coppa Italia 2016)
  6. Real Madrid – Napoli 3-1 (ottavi di Champions 2017).

 

Allegri invece, dalla sua può contare su una società e su uno zoccolo di senatori che, di volta in volta, ne colmano i limiti caratteriali in termini di leadership. I suoi dubbi infatti, saranno per lo più legati alle scelte di formazione.

Prima di tuffarvi nel mare di dettagli che vi aspetta, leggete quest’ultima curiosità. Di fronte si ritroveranno il miglior attacco casalingo nonché la miglior difesa casalinga e il miglior attacco di Serie A, nonché la 2ª miglior difesa esterna.

 

Quote Passaggio turno:

  • Juventus: 1.47
  • Napoli: 2.50

Il pronostico:

“1X” (1.15) – rischio medio

“1X + Under 4.5” (1.25) – rischio medio

Alternativa: /

Naturalmente nell’11 titolare ci sarà sicuramente spazio sia per l’ex Higuain (1.90), rimasto a secco nelle ultime 2 partite che per questo Dybala (2.15) non al top sul piano psico-fisico, ma col sinistro sempre caldo. Il Napoli potrebbe sentirsi così sfavorito da giocare magari in maniera più spensierata rispetto agli ultimi 2 precedenti allo Stadium. Diamo peso alle parole di Allegri che solitamente prepara le gara casalinghe d’andata con l’obiettivo principale di non subire goal. Per le giocate a quota più alta, scegliete tra “1X + Under 3.5” (1.50) e l'”1″ (1.67), entrambi gli esiti presentano una quota poco interessante. Preferiamo di poco la prima.

Sul piano statistico c’è da dire subito che la Juventus, tra campionato, Coppa Italia e Champions, con il nuovo sistema di gioco ha vinto 9 partite su 9, di cui 7 con “Under 2.5 + No Gol” (8 comunque gli “Over 1.5”). In Serie A la Juventus è reduce da 30 “1” (vittorie) consecutivi in casa e 38 “12” (gare senza pareggi) consecutivi, gli unici pareggi stagionali bianconeri sono arrivati entrambi in Champions, entrambi allo Juventus Stadium. Molto comune ad entrambe le squadre l’”Over 1.5”, anche se il Napoli in coppa è reduce dall’1-0 sulla Fiorentina. In campionato invece, i partenopei sono reduci da 4 “Gol” e 8 “Over 2.5” consecutivi! Spicca un dato su tutti: SEMPRE “1” nei 6 precedenti allo Juventus Stadium nei quali il Napoli ha segnato 1 sola rete!

Sul piano tecnico le squadre più o meno si equilibrano, la tecnica è una delle poche doti che proprio non manca alla squadra partenopea.

Sul piano tattico la Juventus grazie alla consapevolezza di alcune delle sue individualità, è più capace di adattarsi alle varie situazioni tattiche di una partita. La fase offensiva è affidata ai singoli, Allegri preferisce non preparare schemi. Al contrario, il Napoli di Sarri, per quanto più organizzato, a volte assume le sembianze di un robot che ripete meccanicamente sempre gli stessi ordini. Le difficoltà più palesi nel gioco partenopeo? 1) La difficoltà ad applicare in caso di necessità, un assedio mourinhiano alla porta avversaria e 2) la testardaggine con cui si difende a zona anche in momenti in cui l’unica cosa da marcare non è lo spazio, ma l’uomo libero di calciare in porta.

Sul piano psicologico la Juve proprio nei suoi singoli si mostra più matura rispetto agli ospiti. Certo la pace a tempo tra Bonucci e Allegri è stata forzata dalla società, lo stesso Dybala probabilmente necessiterebbe di un allenatore più capace di motivarlo lunga la corsa per il Pallone d’Oro, ma per ora sia a Marotta che ai tifosi, questa Juve va bene così, sulla carta superiore a Napoli, Roma, Crotone, Cagliari, ecc. Va detto anche che i ragazzi di Sarri tra l’altro sono parsi anche un attimino svuotati dalle tensioni pubbliche tra allenatore e presidente.

Sul piano atletico sembra esserci un certo equilibrio tra le due squadre. Forse la Juve sta un po’ meglio? Da vedere, dato che entrambe hanno giocato sabato.

Lo studio statistico (Serie A 2016/2017): 

JUVENTUS (1°)

IN GENERALE (26 gare)

  • SEMPRE “12” (senza pareggi)
  • 7 vittorie consecutive
  • 11 vittorie nelle ultime 12 gare
  • 22 vittorie nelle 26 gare
  • 17 gare consecutive in cui segna almeno un goal
  • 6 gare in cui non subisce goal nelle ultime 7
  • 25 gare in cui segna almeno un goal nelle 26
  • 8 “Over 1.5” nelle ultime 9 gare
  • 6 “Under 2.5” nelle ultime 7 gare
  • 9 “Under 3.5” nelle ultime 10 gare

IN CASA (14 gare)

  • SEMPRE “1” (vittorie)
  • SEMPRE “Gol Casa”
  • 5 “No Gol Ospite” nelle ultime 6 gare
  • 3 “Under 2.5” nelle ultime 4 gare

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • 38 “12” (senza pareggi) consecutivi
  • 32 “Gol Casa” consecutivi in casa
  • 37 gare in cui segna almeno un goal nelle ultime 38
  • 30 “1” (vittorie) consecutivi in casa
  • 32 “1X” consecutivi in casa
  • 55 “12” (senza pareggi) nelle ultime 56 gare
  • 30 “1” (vittorie) nelle ultime 31 gare in casa
  • 32 “1X” nelle ultime 33 gare in casa
  • 32 “Gol Casa” nelle ultime 33 gare in casa
  • 16 “Over 1.5” nelle ultime 18 gare in casa

NAPOLI (3°)

IN GENERALE (26 gare)

  • Solo 1 sconfitta nelle ultime 15 gare
  • 3 “2” nelle ultime 4 gare
  • 7 “12” (senza pareggi) nelle ultime 8 gare
  • 9 gare in cui subisce goal nelle ultime 10
  • 18 gare in cui segna almeno un goal nelle ultime 19
  • 8 “Gol” nelle ultime 10 gare
  • 19 “Gol Casa” nelle ultime 21 gare
  • 10 “Gol Ospite” nelle ultime 11 gare
  • 19 “Over 1.5” consecutivi
  • 20 “Over 1.5” nelle ultime 21 gare

IN TRASFERTA (12 gare)

  • 3 “2” (vittorie) consecutivi
  • 5 “2” (vittorie) nelle ultime 6 gare
  • 6 “X2” consecutivi
  • 7 “X2” nelle ultime 8 gare
  • 8 “12” (senza pareggi) nelle ultime 9 gare
  • 4 “Gol” consecutivi
  • 7 “Gol” nelle ultime 8 gare
  • 8 “Gol Ospite” consecutivi
  • 8 “Gol Casa” nelle ultime 9 gare
  • 8 “Over 2.5” consecutivi

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • Non ci sono statistiche in corso interessanti

Statistiche a cura di Okpronostico

News dai campi:

Qui Juventus.
Allegri dovrebbe recuperare Khedira schierandolo a fianco di Marchisio. In avanti torna titolare Dybala, mentre in difesa Lichtsteiner farà rifiatare Dani Alves e Chiellini farà coppia al centro della difesa con Bonucci.

Così Allegri alla vigilia: “Sarà una semifinale complicata per noi. La Juventus dovrà dare il massimo. Dovremo creare i presupposti per arrivare in finale. Affronteremo un Napoli arrabbiato per il ko di sabato contro l’Atalanta. Visto che giocheremo la 1ª in casa non dovremo prendere gol. Chi giocherà dietro? Ho 5 giocatori a disposizione, dovrò valutarli ancora. Qualcuno riposerà, ci saranno dei cambi. La squadra di Spalletti è diventata seria e tosta e lo dimostrano i risultati che sta facendo. Noi però siamo in testa e vogliamo restarci”.

Il tecnico parla poi della formazione: “Noi vogliamo fare più partite possibili. Pensiamo a giocarle tutte con la massima attenzione. Se giocherà Pjaca? Devo valutare perché ci sono diverse partite da affrontare. Posso dirvi che giocherà Neto perché ha sempre fatto buone partite e da noi fa il 2° solo perché c’è Buffon davanti a lui. Non so se Dybala ci sarà: con lui abbiamo più geometria e più qualità in campo, ma è normale che non posso farlo giocare sempre. Bonucci al centro? Rugani riposa, devo decidere tra Bonucci, Barzagli, Chiellini e Benatia. Sugli esterni giocheranno Asamoah e Lichtsteiner. Se sto studiando lo spagnolo? A scuola facevo fatica anche con l’italiano, quindi figuratevi. A scuola ci andavo poco, ho imparato discretamente il torinese. Un bilancio della stagione? Abbiamo fatto un percorso importante. Siamo dentro tutte le 3 competizioni, siamo al rush finale. La squadra è migliorata, anche nell’entusiamo. Siamo più spensierati e dobbiamo lavorare. Non dobbiamo perdere l’equilibrio che è fondamentale”.

Qui Napoli.
Il grande dubbio di Sarri è legato a Milik. L’attaccante è pronto e Sarri dovrà decidere se schierarlo dal 1° minuto. In tal caso a fargli spazio sarebbe uno tra Insigne e Mertens. In difesa rientra Koulibaly. Maggio dovrebbe giocare sull’out di destra al posto dello squalificato Hysaj. Ovviamente nessuna conferenza stampa pre-partita per Sarri.

SEMPRE “1” nei 6 precedenti allo Juventus Stadium:

  1. Juventus – Napoli 2-1 (Serie A 2016/17)
  2. Juventus – Napoli 1-0 (Serie A 2015/16)
  3. Juventus – Napoli 3-1 (Serie A 2014/15)
  4. Juventus – Napoli 3-0 (Serie A 2013/14)
  5. Juventus – Napoli 2-0 (Serie A 2012/13)
  6. Juventus – Napoli 3-0 (Serie A 2011/12)

 

Le statistiche della Juventus in Coppa Italia

  • Juventus – Milan 2-1 (Quarti Coppa Italia 2016/2017)
  • Juventus – Atalanta 3-2 (Ottavi Coppa Italia 2016/2017)
  • Milan – Juventus 0-0, 0-1 dts (Finale Coppa Italia 2015/2016)
  • Inter – Juventus 3-0, 5-6 dcr (Semifinale ritorno Coppa Italia 2015/2016)
  • Juventus – Inter 3-0 (Semifinale andata Coppa Italia 2015/2016)
  • Lazio – Juventus 0-1 (Quarti Coppa Italia 2015/2016)
  • Juventus – Torino 4-0 (Ottavi Coppa Italia 2015/2016)

 

Le statistiche del Napoli in Coppa Italia

  • Napoli – Fiorentina 1-0 (Quarti 2016/2017)
  • Napoli – Spezia 3-1 (Ottavi Coppa Italia 2016/2017)
  • Napoli – Inter 0-2 (Quarti Coppa Italia 2015/2016)
  • Napoli – Verona 3-0 (Ottavi Coppa Italia 2015/2016)
  • Napoli – Lazio 0-1 (Semifinale ritorno Coppa Italia 2014/2015)
  • Lazio – Napoli 1-1 (Semifinale ritorno Coppa Italia 2014/2015)
  • Napoli – Inter 1-0 (Quarti Coppa Italia 2014/2015)
  • Napoli – Udinese 1-1, 7-6 dcr (Ottavi Coppa Italia 2014/2015)

 

Gli ultimi 10 precedenti tra Juventus e Napoli
Juventus – Napoli 2-1 (Serie A 2016/17)
Juventus – Napoli 1-0 (Serie A 2015/16)
Napoli – Juventus 2-1 (Serie A 2015/16)
Juventus – Napoli 3-1 (Serie A 2014/15)
Napoli – Juventus 1-3 (Serie A 2014/15)
Juventus Napoli 2-2, 5-6 dcr (Supercoppa Italiana 2014)
Napoli – Juventus 2-0 (Serie A 2013/14)
Juventus – Napoli 3-0 (Serie A 2013/14)
Napoli – Juventus 1-1 (Serie A 2012/13)
Juventus – Napoli 2-0 (Serie A 2012/13)

I precedenti in Coppa Italia tra Juventus e Napoli (Opta)

  • Sono 9 le precedenti partite di Coppa Italia tra Juventus e Napoli: bianconeri avanti nel computo dei successi per 4 a 3 (2 pareggi).
  • La Juventus ha passato il turno nell’unico precedente di Coppa Italia col Napoli in sfide di andata e ritorno: doppio successo agli ottavi di finale dell’edizione 1999/00.
  • In assoluto, l’ultimo incrocio tra queste 2 formazioni in Coppa Italia risale alla finale 2012, vinta 2-0 dagli azzurri.
  • La Juventus non ha pareggiato alcuna delle ultime 15 partite giocate in Coppa Italia: 11 vittorie e quattro sconfitte.
  • I bianconeri hanno disputato 17 volte le semifinali di Coppa Italia in sfide di andata e ritorno: 10 passaggi del turno e sette eliminazioni finora.
  • La Juve ha subito tre gol nelle ultime due gare giocate in casa nella competizione, tanti quanti ne aveva incassati nelle precedenti cinque partite casalinghe.
  • Il Napoli non vince una partita in trasferta di Coppa Italia dal settembre 2003 (vs Pescara): due pareggi e sei sconfitte da allora.
  • Gli azzurri hanno perso tutte le sei partite disputate allo Juventus Stadium, segnando due gol e subendone 14.
  • Gonzalo Higuaín, subito in gol alla prima da ex contro il Napoli in campionato, ha segnato tre reti in 12 presenze in Coppa Italia, tutte arrivate in partite casalinghe.
  • Dal suo arrivo al Napoli nel 2013, José Callejón ha segnato cinque gol in Coppa Italia: più di ogni altro giocatore azzurro nello stesso periodo.

 

I precedenti tra Allegri e Sarri

6 confronti tra i 2 tecnici: 5 vittorie per Allegri, 1 vittoria per Sarri!

  • Juventus – Napoli 2-1 (Serie A 2016/2017)
  • Juventus – Napoli 1-0 (Serie A 2015/2016)
  • Napoli – Juventus 2-1 (Serie A 2015/2016)
  • Juventus – Empoli 2-0 (Serie A 2014/2015)
  • Empoli – Juventus 0-2 (Serie A 2014/2015)
  • Verona – Sassuolo 0-2 (Serie A 2014/2015)

 

Probabili formazioni:

Juventus (4-2-3-1) Neto; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Asamoah; Pjanic, Khedira; Cuadrado, Dybala, Mandzukic, Higuain. All. Allegri
A disp.: Buffon, Audero, Dani Alves, Barzagli, Benatia, Rugani, Marchisio, Alex Sandro, Sturaro, Lemina, Rincon, Pjaca
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Mattiello

Napoli (4-3-3) Reina; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Zielinski, Diawara, Hamsik; Callejon, Milik (Mertens), Insigne. All. Sarri
A disp.: Rafael, Sepe, Maksimovic, Rog, Strinic, Chiriches, Milanese, Giaccherini, Jorginho, Pavoletti, Milik
Squalificati: Hysaj
Indisponibili: Tonelli, Allan