LegaPRO-14-1

V.FRANCAVILLA - CATANIA

DOMENICA 20 NOVEMBRE ORE 14:30

Match tra 2 squadre in salute e che guardano alla classifica in maniera diversa.

Il pronostico:

“Over 1.5” (1.35) – rischio medio

Il buon momento della Virtus Francavilla, condito da 3 vittorie nelle ultime 4 gare, permette ai pugliesi di guardare con serenità alla sfida contro il Catania. In casa la Virtus a chiuso 3 delle ultime 4 gare disputate in “Over 2.5+Gol”.

Anche il Catania se la passa bene, imbattuta da 7 gare, con 3 vittorie nelle ultime 4. 5 “Over 1.5” nelle ultime 6 gare disputate dalla squadra di Rigoli che ha perso solo 1 delle ultime 16 gare disputate tra la scorsa e l’attuale stagione. SEMPRE “X” e “Under 2.5” in trasferta per il Catania.

Lo studio statistico: 

VIRTUS FRANCAVILLA

IN GENERALE (13 gare)

  • 4 gare consecutive senza sconfitte
  • vittorie nelle ultime 4 gare
  • 9 gare in cui subisce goal nelle ultime 11
  • “12” (senza pareggi) nelle ultime 10 gare

IN CASA (6 gare)

  • “Gol” nelle ultime 4 gare
  • “Gol Ospite” nelle ultime 5 gare
  • “Over 2.5” nelle ultime 4 gare
  • “12” (senza pareggi) nelle ultime 6 gare

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • non ci sono statistiche interessanti

CATANIA

IN GENERALE (13 gare)

  • 7 gare consecutive senza sconfitte
  • “1X” consecutivi
  • vittorie nelle ultime 4 gare
  • “1” nelle ultime 4 gare
  • “Over 1.5” nelle ultime 6 gare
  • “Gol Casa” nelle ultime 6 gare

IN TRASFERTA (6 gare)

  • SEMPRE pareggi
  • SEMPRE “Under 2.5”
  • “No Gol Casa” nelle ultime 4 gare
  • “No Gol Ospite” nelle ultime 4 gare

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • Solo 1 sconfitta nelle ultime 16
  • 22 “1X” nelle ultime 23 gare
  • 28 “Under 3.5” nelle ultime 32 gare
  • “X” (pareggi) consecutivi in trasferta
  • 16 “1X” consecutivi in trasferta
  • “Under 2.5” consecutivi in trasferta
  • “Under 3.5” consecutivi in trasferta

News dai campi:

Qui Virtus Francavilla. La squadra brindisina è reduce da una vittoria nel derby contro il Taranto. In precedenza, inoltre, ha conquistato altri tre risultati positivi. Arriva al match, dunque, con un buon morale. Il tecnico Calabro ha recuperato il mediano Biason e il difensore Vetrugno. Out, invece, l’attaccante Triarico per uno stiramento. Mr. Calabro: “Per quanto riguarda il sintetico anche il Foggia ha giocato su questo campo, così come il Matera, e sono state partite molto difficili. La forza del Catania non è soltanto sui singoli, ma è tanto sulla quadratura che ha trovato e sull’equilibrio nella fase offensiva e nella fase difensiva. È la formazione che ha subito meno gol tra le squadre di tutti i campionati italiani, annovera tra le proprie fila calciatori come Biagianti, il quale negli ultimi 13 anni ha disputato 10 campionati di serie A, due di serie B e questo di Lega Pro. Sarà comunque una partita difficile anche per loro”.
Qui Catania. La vittoria contro il Catanzaro ha permesso alla squadra di agganciare la zona play-off a pari punti con la Fidelis Andria. Vietato perdere per la squadra per evitare di dispendere quanto di buono fatto nelle ultime settimane. Emergenza in difesa per il tecnico. Il terzino Djordjevic, alle prese con problemi muscolari, resta ancora in forte dubbio. Mister Rigoli potrebbe, quindi, spostare Parisi a sinistra. Certo un posto da titolare per Bastrini, sempre sulla linea arretrata con De Santis. Out, invece Drausio e Bergamelli, entrambi squalificati. La squadra scenderà in campo con il solito 4-3-3. Così Rigoli: Metteremo in campo gente molto valida come Bastrini che fino a poco tempo fa giocava, poi é stato fermo per un pò di tempo. Fino a quel momento aveva dimostrato grandi capacità, sta bene. Sono convinto che i sostituti degli squalificati saranno all’altezza. Djordjevic? Giovedì ha svolto il primo giorno di lavoro differenziato. Ieri ed oggi si é allenato anche se non al 100% ma figura tra i convocati. Valuteremo nelle prossime ore la possibilità di schierarlo o meno. Il campo in sintetico non deve essere un alibi. Avendo gente di grande esperienza non possiamo cercare scuse. Naturalmente passeranno i primi dieci minuti di adattamento al terreno di gioco com’è normale che sia, ma questo non deve essere motivo di attenuanti, assolutamente”.

>