LegaPRO-14-1

JUVE STABIA - LECCE

DOMENICA 20 NOVEMBRE ORE 16:30

Il miglior attacco del campionato (26 reti realizzate dalla Juve Stabia) affronta la 2 miglior difesa del torneo (il Lecce con 10 reti subite).

Il pronostico:

“X 1° Tempo” (2.05) – rischio alto

Big match di giornata tra la 1ª e la 4ª in classifica. Le vespe sono imbattute da 5 gare e reduci da 3 “Under 2.5” di fila. In casa SEMPRE “1” e “Over 1.5” per gli stabiesi, reduci da 9 “Gol Casa” consecutivi tra lo scorso e l’attuale campionato.

Il Lecce non vince da 4 gare, ma ha perso solo 1 gara in campionato. I salentini sono reduci da 3 “X” di fila. In trasferta SEMPRE “Over 1.5” per il Lecce, che ha chiuso 5 gare in “Gol Casa” nelle ultime 6.

Lo studio statistico: 

JUVE STABIA

IN GENERALE (13 gare)

  • 5 gare consecutive senza sconfitte
  • “Under 2.5” consecutivi
  • 5 gare consecutive in cui segna almeno un goal
  • vittorie nelle ultime 5 gare
  • “Gol Casa” nelle ultime 10 gare
  • “12” (senza pareggi) nelle ultime 7 gare

IN CASA (6 gare)

  • SEMPRE “1” (vittorie)
  • SEMPRE “Gol Casa”
  • SEMPRE “Over 1.5”
  • “No Gol Ospite” nelle ultime 4 gare
  • “Under 3.5” nelle ultime 5 gare

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • 13 gare in cui segna almeno un goal nelle ultime 14
  • 16 “12” (senza pareggi) nelle ultime 18 gare
  • 10 “12” (senza pareggi) consecutivi in casa
  • “Gol Casa” consecutivi in casa
  • “Over 1.5” consecutivi in casa

LECCE

IN GENERALE (13 gare)

  • “X” (pareggi) consecutivi
  • 4 gare consecutive senza vittorie
  • “1X” consecutivi
  • Solo 1 sconfitta nelle ultime 13
  • 3 gare in cui subisce goal nelle ultime 4
  • “Gol Casa” nelle ultime 7 gare
  • “Over 1.5” nelle ultime 6 gare

IN TRASFERTA (6 gare)

  • SEMPRE “Over 1.5”
  • “X2” nelle ultime 6 gare
  • “Gol Ospite” nelle ultime 6 gare
  • “Gol Casa” nelle ultime 6 gare

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • Solo 1 sconfitta nelle ultime 14
  • “Over 1.5” consecutivi in trasferta

News dai campi:
Qui Juve Stabia. Per mantenere la vetta servirà non sbagliare. Un passo falso, infatti, favorirebbe le avversarie a partire proprio dai salentini. Al contrario una vittoria permetterebbe di allungare il gap almeno da una avversaria. Mister Fontana avrà tutto l’organico a disposizione. Queste le sue parole a StabiaChannel: “Il Lecce è uno dei mostri sacri del campionato, insieme al Matera e il Foggia, ha tantissima esperienza alle spalle e batterlo significa per noi aver fatto un’impresa – ha dichiarato il trainer – anche se in questo momento non sta attraversando un periodo esaltante, la squadra giallorossa è costruita da talenti e calciatori con ottime qualità che possono fare la differenza in qualsiasi momento, quindi non avrà problemi a rialzare la testa”.
Qui Lecce. I salentini, dopo una sconfitta e tre pareggi consecutivi, hanno l’obbligo di ripartire. Il match non è dei più semplici ma tornare al successo in uno scontro diretto sarebbe importante per il morale della squadra. Recuperati i difensori Drudi, Giosa e Freddi. Mister Padalino ritrova l’estremo difensore Bleve che però potrebbe partire dalla panchina per lasciar spazio a Gomis. Squadra in campo con il 4-3-3. Mr. Padalino: “Mi raccomanderò ai miei ragazzi di essere sé stessi, di fare la partita come di solito abbiamo sempre fatto a livello di approccio, di giocare con la giusta concentrazione senza pensare all’avversario. Questo discorso, infatti, lo faccio sempre prima di ogni gara, poiché non è chi ti trovi di fronte che può cambiare la tua mentalità. A prescindere da quello che succederà di positivo o negativo sul campo, noi dobbiamo continuare il nostro percorso, la cui bontà o meno non verrà certo decisa dall’esito di una singola partita. Abbiamo l’obbligo di proseguire sulla nostra strada, di cercare di fare risultato ricordandoci che il campionato è molto lungo. L’aspetto mentale prima di una sfida come queste, a mio modo di vedere, conta, ma questo è un discorso che riguarda sia chi è in testa sia chi rincorre. Affronteremo la Juve Stabia che è prima in classifica e che sta meritando di essere lì. Questo, però, è un campionato molto aperto perché credo che non ci sia una squadra che possa ammazzare il torneoDovremo essere abili a non farci trascinare, ma essere noi stessi, mantenendo il giusto equilibrio. La partita di domani ci dirà chi siamo in questo momento, non dove potremo arrivare, quindi non sarà decisiva in questo senso. L’importante sarà dimostrarsi all’altezza della situazione e su ciò non ho alcun timore”.

>