Lega-Pro-1

Su quella che sarà la stagione 2016/2017 della Maceratese, il presidente Tardella è stato abbastanza chiaro: “Sicuramente porteremo due o tre ragazzi validi della Berretti in prima squadra, in modo da dare continuità e iniziare un percorso nuovo. Un altro punto fermo sarà il ringiovanimento, dal punto di vista anagrafico, della squadra, quindi puntare su giocatori più freschi che possano anche rappresentare una continuità di percorso. Abbiamo i soliti contatti con il Pescara, con Karkalis e Altobelli”. Progetto giovani, fresco affidato ad un tecnico voglioso di sfondare nel calcio professionistico: Federico Giunti.

 

La Maceratese degli ultimi tempi:
La Maceratese è un club storico del panorama calcistico italiano. All’epoca della fondazione, avvenuta nel gennaio 1922 con la denominazione Unione Calcistica Maceratese, rappresentava tutte le forze calcistiche cittadine, che si fusero in un’unica società. La Maceratese è per tradizione sportiva la 4ª società calcistica marchigiana, dopo l’Ascoli, l’Ancona e la Sambenedettese, avendo partecipato alla Serie B nella stagione 1940-1941. Agli inizi degli anni 2000, la società ha conosciuto la retrocessione in Serie D, rimanendoci per 15 anni. Solo nel 2015 è riuscita infatti a tornare nel professionismo, chiudendo la relativa stagione al 3° posto, perdendo la sfida play-off contro il Pisa.

 

La carriera di mister Giunti:
Tanti ricorderanno Federico Giunti da calciatore, ma forse pochi conoscono la sua carriera da allenatore. A settembre 2009 è nominato allenatore degli Allievi Nazionali del Perugia. A luglio 2010 assume la guida della formazione Berretti del Foligno; il 14 dicembre successivo è nominato allenatore in prima squadra dei Falchetti, da cui viene esonerato il 20 aprile 2011 con la squadra relegata a un punto dall’ultimo posto. Il 5 luglio 2012 acquisisce a Coverciano il titolo di allenatore di Prima Categoria UEFA Pro, e il diritto di ricoprire il ruolo di tecnico in squadre di massima serie.Dal 24 ottobre seguente è nominato allenatore del Castel Rigone, in Serie D. Qui, nonostante inanelli 18 risultati utili consecutivi, portando i biancoblù dai bassifondi alla testa della classifica, viene esonerato per divergenze con la società. Dopo aver proseguito la carriera in Serie D, il 18 giugno 2016 gli si aprono le porte del professionismo, diventando allenatore della Maceratese.

 

Il modulo e i risultati di mister Giunti:
Il tecnico predilige il 4-2-3-1 come modulo di gioco. Durante la carriera da allenatore, come riportato da transfermarkt.it, ha vinto il 26,3% delle gare. Ha pareggiato, invece, il 36,8% dei match, mentre ne ha perso il 36,8%.

>