Lega-Pro-1

Nell’annata 2015/2016 il Prato ha ottenuto una salvezza ai play-out. Nella nuova annata, però, la società, intanto passata nelle mani della Cooperativa Orgoglio Pratese (che ha acquistato la maggioranza del club), formata principalmente da tifosi, ha intenzione di svolgere un campionato diverso e più tranquillo. Il team è stato praticamente rivoluzionato con gli innesti di giovani e alcune pedine esperte. Tra i più noti ci sono i difensori Antonini, ex Milan e Martinelli, il centrocampista Carcuro e la punta Tavano, in arrivo dall’Avellino.

 

Il Prato degli ultimi tempi:
Il club nella stagione 2010/2011, dopo aver concluso in 3ª posizione il campionato di Seconda Divisione e perso la finale play-off, è stato ripescato. Dal 2011/2012, quindi, il Prato ha partecipato al campionato di Prima Divisione (ex C1), riuscendo sempre, tramite i play-out o durante la stagione regolare, ad ottenere la salvezza.  

 

La carriera di mister Acori:
Inizia la carriera da allenatore in Prima Categoria alla guida del Prati nel 1986. Riesce a condurre il team romano fino al campionato di Serie D. Nella stagione 1990/1991 allena il Rieti nel massimo campionato dilettantistico nazionale. Nella stagione successiva allena L’Aquila, team con il quale vince il campionato ma non riesce ad effettuare il salto di categoria. Tra il 1992 e il 1995 rimane sempre nella stessa categoria: prima conduce la Viterbese e poi la Ternana, club dal quale viene esonerato. Nella stagione 1996/1997 ottiene la promozione tra i professionisti con il Gabbio. In Seconda Divisione, poi, la squadra si classifica 7ª. Nel 1998/1999 effettua lo stesso percorso svolto con gli eugubini con la Sangiovannese, arrivando in 7ª posizione nel primo anno di C2 e in 5ª nel secondo (si qualifica ai play-off ma li perde in finale). Nel 2002/2003 comincia il percorso nel Rimini: con i biancorossi raggiunge la Serie C1 e poi la Serie B nel 2006/2006. Il 4 giugno 2008 firma con il Livorno, club dal quale viene esonerato il 23 maggio 2009. Dopo una breve parentesi con il Benevento e la Cremonese, sempre in Prima Divisione. Nel 2012/2013 guida il San Marino, neo promosso nella terza serie professionistica. Il 27 gennaio 2014 subentra sulla panchina del Grosseto. Il 5 luglio 2014 viene ingaggiato dal Gubbio, formazione militante nel girone B di Lega Pro, ma il 2 maggio 2015 il club lo solleva dall’incarico. Il 10 gennaio 2016 torna a Rimini, sempre in Serie C.

Il modulo e i risultati di mister Acori:
Il tecnico predilige il 4-3-3 come modulo di gioco. Durante la lunga carriera da allenatore, come riportato da transfermarkt.it, ha vinto il 36,7% delle gare. Ha pareggiato, invece, il 33,1% dei match, mentre ne ha perso il 30,2%.

>