Lega-Pro-1

Nunzella, Garufo, Scavone, Canini, Calaio: sono tutti giocatori di spessore arrivati alla corte di Apolloni per disputare il campionato di Lega Pro. La squadra gialloblu vuole subito riconquistare la cadetteria e lo vuole fare con giocatori di un certo spessore, anche se il tecnico ammonisce:Noi favoriti? Non nego che la squadra sia forte, ma sapete meglio di me che nel calcio non basta avere solo i grandi nomi. I giocatori forti li abbiamo, ma se non mettiamo davanti a tutto coesione e voglia di fare bene non si va da nessuna parte. E la sconfitta di domenica scorsa in Coppa Italia con il Pro Piacenza ha dimostrato perfettamente questo concetto. – continua Apolloni parlando del Modena – Intanto trovo giusta la scelta di avere affidato la squadra a Simone Pavan, farà bene perché è un ragazzo molto preparato. Credo che la squadra sia stata costruita bene, e il fatto che nei pronostici degli addetti ai lavori sia dietro di noi non significa nulla. I gialloblu hanno preso diversi giovani di talento, conservando alcuni giocatori di esperienza: credo sia un mix molto interessante. Se negli ultimi giorni di mercato riuscirà a piazzare un paio di colpi potrà fare un campionato importante”.

 

Il Parma degli ultimi tempi:
La storia recente del club è stata abbastanza negativa. Nel 2014 i ducali chiudono il torneo al 6° posto, valevole per l’approdo al 3° turno preliminare dell’Europa League 2014-2015. La qualificazione europea però sfuma: il club, non è in regola con alcuni pagamenti IRPEF e si vede negare la licenza UEFA. Si tratta del 1° tassello di una serie di gravi problemi finanziari che si protrarranno per tutta la successiva stagione, segnata da continui cambi di presidenza e proprietà, e culminata il 19 marzo 2015 con il fallimento della società parmense, il secondo nell’arco di un decennio. Il 27 luglio 2015 una nuova società, la S.S.D. Parma Calcio 1913, viene affiliata alla FIGC e ammessa in sovrannumero in Serie D rappresentando così calcisticamente la città di Parma. La nuova squadra è posseduta da 2 società: Nuovo Inizio srl, composta da imprenditori locali, che controlla la maggior parte del club, e da Parma Partecipazioni Calcistiche, formata da tutti quei tifosi che vogliono prendere parte alla storia della squadra. Dopo una sola stagione tra i dilettanti, il 17 aprile 2016, con la vittoria casalinga 2-1 sul Delta Rovigo, i ducali festeggiano il ritorno tra i professionisti, al termine di un’annata da record sia per seguito di tifosi sia per punti in campionato; chiudendo poi l’intero campionato senza sconfitte, il Parma raggiunge il primato stagionale dell’unica squadra imbattuta nelle prime quattro serie italiane.

 

La carriera di mister Apolloni:
Dopo aver concluso la carriera da calciatorie, Apolloni rimane all’interno del Parma come osservatore fino a fine 2003, team manager fino al 2004, collaboratore tecnico fino al 2006, prima di diventare vice di Daniele Zoratto, suo vecchio compagno di squadra tra il 1989 e il 1994, sulla panchina del Modena. Dopo Modena approda al Grosseto. Il 27 settembre 2010, dopo aver raccolto 5 punti nelle prime 6 giornate di campionato, viene esonerato. Dopo un’esperienza all’estero diventa allenatore del Parma nel 2015 . Qui vince il proprio girone con 94 punti e con un distacco di 17 punti dall’AltoVicentino ma dalla poule scudetto esce già al triangolare.

 

Il modulo e i risultati di mister Apolloni:
Il tecnico predilige il 4-2-3-1 come modulo di gioco. Durante la lunga carriera da allenatore, come riportato da transfermarkt.it, ha vinto il 43,5% delle gare. Ha pareggiato, invece, il 25,8% dei match, mentre ne ha perso il 30,6%. 

>