Euro-2016-logo-1

Centrare la finale vorrà dire davvero aver scritto la storia della propria nazione. Ed è per questo che la tensione sale sia in casa portoghese che gallese. Ecco le dichiarazioni dei due tecnici, mentre per leggere il nostro studio cliccate qui.

Le dichiarazioni:
Santos, c.t. Portogallo:Siamo responsabili nello scrivere la nostra storia. La storia e il passato sono importanti per le persone e i paesi, e questo ci aiuta, ma ora dobbiamo scrivere un nuovo capitolo. Questo è un gigantesco passo in avanti verso il nostro obiettivo contro avversari incredibilmente forti. Sarà complicato, ma abbiamo il talento per vincere. Non è una questione Cristiano Ronaldo contro Bale, comunque. Tutte le squadre in semifinale, ogni singolo giocatore, hanno lo stesso obiettivo. Il Galles è un’ottima squadra, dotata tecnicamente. Ho imparato molto da Jimmy Hagan [un allenatore inglese al Benfica quando Santos era ragazzo], la scuola calcio del gioco inglese è stata molto importante per me. Il Galles è molto bravo in questo.

“Il Galles ha fatto un torneo incredibile – dichiara Coleman-. Ha superato un girone difficile, ha sconfitto il Belgio, la squadra al primo posto del ranking mondiale, per 3-1! Ammiro Chris Coleman – abbiamo parlato una o due volte quando era in Grecia. Posso capire perché afferma che siamo favoriti. Ma scommetto che non dirà la stessa cosa ai suoi giocatori.

Coleman, c.t. Galles:Crediamo l’uno nell’altro. Il Portogallo è già arrivato in semifinale, ma noi non siamo sfavoriti. I giocatori devono sentirsi al sicuro, sapendo di essere l’uno nelle mani dell’altro, e direi che lo sono. Dobbiamo fare vedere la nostra identità in campo.
Non ho mai pensato alle semifinali [prima di EURO]. Quando ho visto il girone in cui eravamo, ero convinto di poterlo superare. So che nel calcio tutto può succedere, ma sentivo che avevamo una possibilità: dovevamo solo giocare bene.
Tutti hanno un grande spirito di squadra quando vincono, ma il nostro è nato in tempi bui, quando le cose andavano tutt’altro che bene. È merito dei giocatori. Se non hai la gente giusta, anche il migliore allenatore al mondo non serve a niente. Sono fortunato“.

Probabili formazioni: