Lega-Pro-1

Il confronto pre-campionato tra il presidente Guardascio, il DS Meluso (poi finito al Lecce) e l’allenatore Roselli è servito per programmare al meglio la nuova stagione. L’addio del DS ha rischiato di destabilizzare l’ambiente, ma l’arrivo di Cerri e le parole di Guardascio “Aumenterò il budget per la costruzione della squadra e cercheremo in tempi brevi di risolvere la questione del Sanvitino, dando finalmente un campo sintetico alla squadra per allenarsi come si deve” hanno aiutato a dare tranquillità alla piazza.

Purtroppo la dirigenza calabrese non è riuscita a resistere alle richieste per l’attaccante La Mantia, il difensore Di Nuncio, il terzino Ciancio ed il mediano Arrigoni. Alla voce acquisti si registrano i nomi dell’attaccante Baclet, del centrale Capece e della punta Gambino.

 

Il Cosenza degli ultimi tempi:
La nuova avventura del Cosenza nel mondo del calcio è cominciata nel 2011, dopo il fallimento della stagione precedente. La Nuova Cosenza Calcio S.r.l., presieduta dall’attuale presidente Eugenio Guarascio, ha impiegato 2 anni per ritornare nel calcio professionistico. La scorsa stagione il Cosenza ha disputato un ottimo campionato, veleggiando sempre nelle prime posizioni della classifica. I play off però sono sfumati nelle ultimissime giornate e la squadra ha chiuso al 5° posto, con 60 punti, ad appena 3 lunghezze dalla zona spareggi per la Serie B.

 

La carriera di mister Roselli:
La carriera da allenatore di Roselli è cominciata ad Alessandria nel 1993, ma è alla Cremonese che il tecnico ha raggiunto il suo 1° grande traguardo della carriera, portando la squadra nella stagione 2004/2005 in Serie B. Con il Cosenza, nella stagione 2014/2015, Roselli ha vinto la Coppa Italia Lega Pro.

 

Il modulo e i risultati di mister Roselli:
L’allenatore utilizza, normalmente, il 4-4-2 come modulo di gioco. Durante la lunga carriera da allenatore, come riportato da transfermarkt.it, ha vinto il 34,2% delle gare. Ha pareggiato, invece, il 32,2% dei match, mentre ne ha perso il 33,6%.

>