foto-Serie-B

Il Carpi dopo aver subito metabolizzato la retrocessione in cadetteria dalla Serie A è subito deciso a disputare un campionato di primo piano. Per questo ha confermato l’esperto Fabrizio Castori in panchina e quest’anno avrà anche la spinta dei tifosi dello stadio Cabassi, che non era omologato per la A l’anno scorso. Il Carpi ha acquistato l’esperto difensore Blanchard dal Frosinone, poi Crimi dal Bologna e Fedele dal Sion. Venduti invece Daprelà e Martinho al Bari e Hiwat al Chiasso.

 

Il carpi negli ultimi anni:
Impressionante la marcia della squadra emiliana negli ultimi 6 anni: ben 4 le promozioni ottenute grazie all’ambizioso progetto del presidente Caliumi. La 1ª promozione è avveuta nel 2009/2010 dalla D in Seconda Divisione, vincendo il campionato l’anno successivo e disputando così il campionato di Prima Divisione. Qui il Carpi ha perso la finale play-off, mentre l’anno successivo è riuscito a conquistare la storica promozione in Serie B. Sono bastati solo 2 anni di cadetteria a Castori & Co per conquistare la Serie A.

 

La carriera di mister Castori:
Ha iniziato la sua carriera allenando varie squadre dilettantistiche marchigiane; nel 2000 si è seduto sulla panchina del Lanciano conquistando una promozione in Serie C1. Chiamato dal Cesena, Castori coi romagnoli ha conquistato una promozione in Serie B, e dopo 4 anni di permanenza è stato esonerato. Ha collezionato vari esoneri tra Salernitana, Piacenza, Ascoli, Varese e Reggina prima di trovare la squadra giusta: il Carpi. Alla guida della squadra emiliana ha conquistato una storica promozione in Serie A con 4 giornate d’anticipo. La stagione successiva in Serie A è stato prima esonerato e poi richiamato dallo stesso Carpi per concludere il campionato, dove per un pelo non è riuscito a salvarsi.

 

Il modulo ed i risultati di mister Castori:
Castori adotta il 4-4-1-1 per le sue squadre o anche la variante 4-2-3-1.  Secondo transfermarkt.it il 32,5% delle gare disputate da Castori le ha vinte, il 29,1% le ha pareggiate e il 38,3% delle gare le ha perse.

>