foto-Serie-B

La SPAL è pronta a disputare un altro campionato da protagonista: archiviata la scorsa stagione, culminata con un double (vittoria del campionato e della Supercoppa), la squadra ferrarese ha intenzione di fare molto bene in cadetteria, ma il tecnico Semplici ha frenato gli entusiasmi dichiarando che l’obiettivo degli emiliani è la salvezza. Sono arrivati in Emilia, oltre  all’attaccante Mirko Antenucci, ex Leeds, Schiattarella, Cerri e l’esperto centrocampista ex capitano dell’Avellino Mariano Arini. Sono partiti invece Gentile e Di Quinizio a parametro zero, mentre sono stati mandati in prestito Capezzani, Bellemo e Posocco.

 

La SPAL degli ultimi anni:
Dopo il fallimento della vecchia società a giugno del 2013, ne fu fondata 1 nuova, che ha partecipato al campionato di Seconda Divisione 2013/2014, chiudendolo 6^ e qualificandosi al successivo campionato unico di Lega Pro. La stagione dopo, è risultata più complicata del previsto: partita con l’allenatore Brevi, dopo una serie di risultati altalenanti, la squadra ha chiuso il campionato al 4° posto sfiorando i play-off e con mister Semplici in panchina. Per quanto concerne la stagione 2015/2016, la squadra è stata pesantemente rinforzata e ciò ha portato alla conquista della Serie B dopo 23 anni di assenza ed alla vittoria in Supercoppa di Lega Pro.

 

La carriera di mister Semplici:
Leonardo Semplici prima della SPAL ha allenato poche volte tra i professionisti, dove ha avuto perlopiù ruoli da traghettatore. L’esperienza che però ha convinto il presidente Colombarini a sceglierlo come allenatore della SPAL è stata senza dubbio quella nella Fiorentina Primavera: nelle 102 panchine in quel di Firenze Semplici ha valorizzato numerosi talenti, uno su tutti, Federico Bernardeschi.

 

Il modulo e i risultati di mister Semplici:
Semplici predilige per le sue squadre il 3-5-2, in carriera ha vinto il 59,7% delle gare disputate, ne ha pareggiate del 18,8% e ne ha perse del 21,5%.