football-730418_960_720

ITALIA - GERMANIA

MARTEDÌ 15 NOVEMBRE ORE 20:45

Spiccano anche i 4 “Gol” consecutivi nelle ultime 4 amichevoli.

Ma spiccano soprattutto 3 dati su tutti:

  1. nel corso del nuovo ciclo l’Italia non ha subito goal solo contro il Liechtenstein
  2. nel corso del nuovo ciclo la Germania non ha ancora subito goal

Il pronostico:

Da tener conto è la tipologia di sostituzioni che riguardano solitamente un’amichevole, che per quanto classica, questa volta sembra sul serio snobbata, soprattutto dal c.t. tedesco.

“Gol Ospite” (1.26) – rischio medio; “Gol” (1.68) – rischio alto; “X2 + Over 1.5” (1.90) – rischio alto

Alternative: “Over 1.5” (1.28) – rischio alto; “Over 2.5” (1.95) – rischio alto

L’ “X2” non la prendiamo molto in considerazione solo perché, in relazione alla quota, la giocata conviene poco.

La Germania schiererà diverse seconde linee, rinuncerà al suo portierone titolare, ma le novità riguarderanno tutti i reparti, attacco compreso. Lì davanti infatti, dovrebbe esserci spazio per il talentino Gnabry! Solo Muller sembra abbastanza certo della maglia titolare!

L’Italia schiererà la miglior formazione possibile, rinunciando quasi in toto agli esperimenti testati sabato scorso nell’ultimo turno del girone. Belotti non si tocca, in attacco probabile tridente con Insigne a sinistra e Bernardeschi a destra. Ventura ha paura di incappare in una goleada, e in qualche modo, negandolo, lo ha ammesso. Ma per provarne a capirne di più, studiate con noi “Il punto tattico”.

I precedenti in amichevole non sono così nettamente a vantaggio degli azzurri. Ed infatti gli azzurri, per tradizione, hanno generalmente dato il meglio soprattutto nelle partite ufficiali e contro le big. Attenzione proprio a questo aspetto, perché a differenza del passato, nel corso dei prossimi mesi la natura della nazionale potrebbe piano piano cambiare radicalmente e portarla ad essere piccola contro le grandi e grande contro le piccole, scarsa nelle fasi finali, e da applausi nei test amichevoli. Si tratta naturalmente di un’ipotesi involutiva che eventualmente avrà bisogno di tempo per palesarsi, ipotesi che però già da qualche mese ritrova riscontro nei risultati.

A partire da Ventura per finire a chi raccomanda i ragazzi nelle scuole calcio (facendo fuori i più meritevoli, ma nati figli di “nessuno”), “se gli addetti ai lavori continuano a contribuire attivamente” attivamente a questa politica del perbenismo di facciata e di ingiustizia di sostanza… Continueremo molto probabilmente ancora per molti anni a sentir parlare di futuro gente che più che preoccuparsi concretamente del futuro, sta tentando palesemente di rimandare i giudizi sul presente.
Presente di cui, anche in chiave pronostico, bisogna tener presente. Appunto.

Il punto tattico sull’Italia (Francesco Roberto)

L’Italia ha palesemente paura di incappare in un’altra figuraccia casalinga come quella subita contro la Francia. E proprio per questo sembra tentata dall’ipotesi di giocarsela a viso aperto, dichiarando apertamente di voler giocarsela ricoprendo il “comodo” ruolo della matricola che non volendo assumersi responsabilità, preferisce giocare con l’atteggiamento di chi non nulla da perdere, seppur in un match casalingo. Il 3-5-2 di Ventura è molto diverso da quello di Conte… ma a proposito: a riprova della stima tattica che c’è tra gli ex allenatori di Torino e Juventus, non è da escludere che l’attuale c.t. passi ad un 3-4-3 molto simile a quello schierato dal Chelsea in questo momento. Un 3-4-3 che possa cioè garantire sia equilibrio che profondità, con due ali a piede invertito capaci di accentrarsi sia per calciare in porta che per consolidare il possesso del pallone (Insigne al posto di Hazard e Bernardeschi al posto di Willian) e una punta centrale che possa sentirsi libera di attaccare costantemente la profondità (Belotti al posto di Diego Costa). Ammesso che Insigne e Bernardeschi non confermino di essere caratterialmente mediocri, i problemi principali questa volta potrebbero sbucare anche dal pacchetto arretrato.

I potenziali problemi in difesa? 

  1. Tra Darmian, Bonucci e Romagnoli non spicca nemmeno un vero marcatore d’area di ruolo (tutti e 3 difettano in fase di marcatura a uomo)
  2. la catena di destra già nello scorso europeo ha mostrato delle falle; la coppia Darmian – Candreva non convince. Darmian oltre a soffrire le situazioni che gli richiedono l’assunzione di responsabilità, è un longilineo, e quindi portato a soffrire la copertura degli spazi stretti. Candreva (nonostante la personalità e la tecnica individuale) è un’ala anarchica oltre che offensiva. Su quella catena, l’Italia potrebbe concedere qualcosa. Sempre che non si tratti di un 4-4-2 mascherato (???). La formazione in tal caso, in fase offensiva potrebbe trasformarsi nella seguente: Buffon; Darmian, Bonucci, Romagnoli, De Sciglio; Candreva, Parolo, Verratti, Insigne; Bernardeschi, Belotti. 

Il punto tattico sulla Germania (Francesco Conversano)

Non avrà i titolatissimi, ma la Germania difficilmente prende sottogamba le gare. Loew ha annunciato che ci saranno cambi nell’11 iniziale rispetto al solito, ma l’atteggiamento sarà sempre quello: fare la partita cercando di dare tanta intensità alla manovra. Sarà una Germania più rapida e meno profonda, non avendo Ozil e Gomez come centravanti, ma affidandosi a Volland e Gotze. I 2 potrebbero però limitare gli inserimenti di Muller, a suo agio più con una punta centrale dinamica (vedi Lewandowski nel Bayern o Gomez in Nazionale) che con attaccanti rapidi. La circolazione della palla sarà garantita da un Gundogan in formissima, mentre in difesa le assenze di Hummels e Boateng potrebbero far perdere sicurezza al reparto arretrato.

 

Lo studio statistico:

In  gare ufficiali, l’Italia è reduce da 5 “Over 1.5” consecutivi, così come 4 sono i “Gol” in 5 partite della gestione Ventura. Delle 19 gare ufficiali complessive tra la gestione Conte e la gestione Ventura, l’Italia ha registrato 1 sola sconfitta e 1 sola gara senza segnare (quella contro l’Irlanda nel girone di Euro 2016). Dall’ultima gara disputata all’Europeo, tra amichevoli e gare ufficiali, la Germania ha sempre vinto e non ha ancora subito 1 rete. I tedeschi sono reduci da 5 “Over 1.5” consecutivi.

I risultati dell'”Italia 2016/2018″ (in ordine cronologico):

  1. Italia – Francia 1 – 3 (amichevole)
  2. Israele – Italia 1 – 3 (Qualificazione Russia 2018)
  3. Italia – Spagna 1 – 1 (Qualificazione Russia 2018)
  4. Macedonia – Italia 2 – 3 (Qualificazione Russia 2018)
  5. Liechtenstein – Italia 0 – 4 (Qualificazione Russia 2018)

 

I risultati della “Germania 2016/2018” (in ordine cronologico):

  1. Germania – Finlandia 2 – 0 (amichevole)
  2. Norvegia – Germania 0 – 3 (Qualificazione Russia 2018)
  3. Germania – Repubblica Ceca 3 – 0 (Qualificazione Russia 2018)
  4. Germania – Irlanda del Nord 2 – 0 (Qualificazione Russia 2018)
  5. San Marino – Germania 0 – 8 (Qualificazione Russia 2018)

 

News dai campi:
Qui Italia. Probabile che Ventura cambi modulo. Dopo l’esperimento 4-2-4 a caccia della goleada in Liechtenstein, si dovrebbe tornare alla difesa a 3. Parolo dovrebbe dare riposo a De Rossi nella mediana, con Candreva e De Sciglio ali a tutto campo. Così Ventura si prepara al match contro la Germania:Italia-Germania da stimoli di per sé, dovremo vedere cosa ci dirà questa partita. Incontriamo i campioni del mondo, pur con qualche giovane dentro, ma i giovani sono figli di una programmazione che dura da 8-10 anni. Servirà personalità, la gara va interpretata. E sarebbe stato bello avere 1/2 giorni in più per prepararla, 24 ore sono poche. Ma prendiamo la serata per quella che sarà, anche se in Italia il risultato conta. È un’amichevole e come tale va considerata, il nostro futuro non è lì a San Siro, ma appena dietro. Rivincita dopo l’Europeo? Per qualcuno lo sarà, ma questa non è certamente una sfida che necessita di motivazioni extra. Non ho paura di prendere batoste, o altro”.

Qui Germania. I tedeschi dovranno fare a meno di Neuer, Kroos, Khedira, Boateng ed Ozil, solo per citarne alcuni. Resta comunque favorita la nazionale campione del mondo in carica: da seguire l’attacco ci sarà posto per 2 Under 21 a fianco di Thomas Muller e Kevin Volland. Loew ha le idee chiare su quale Italia la sua Germania affronterà: “Ci aspettiamo un’Italia tatticamente ben messa in campo. Tutti i giocatori sono a disposizione. In porta giocherà Leno, in difesa Howedes prenderà il posto di Hummels. Nessun giocatore sarà restituito stanco ai club. Noi abbiamo avuto rispetto per San Marino. Lo abbiamo dimostrato non fermandoci mai durante la gara, segnando 8 goal. Non ci leggo davvero nulla di irrispettoso, molti di loro sono amatori mentre giocatori come Muller sono abituati a misurarsi a livello internazionale in competizioni come la Champions League dove gli avversari sono professionisti sia fisicamente che tecnicamente”.

 

Curiosità:

  • 34 i precedenti complessivi tra le 2 nazionali: 15 vittorie Italia, 11 pareggi, 8 vittorie Germania
  • 4 i precedenti all’Europeo: 1 vittoria Italia, 3 pareggi, 0 vittorie Germania
  • 5 i precedenti ad un Mondiale: 3 vittorie Italia, 2 pareggi, 0 vittorie Germania
  • 25 i precedenti in amichevole: 11 vittorie Italia, 6 pareggi, 8 vittorie Germania

Gli ultimi 5 risultati complessivi tra le 2 nazionali:

  • 2011 – Amichevole Germania-Italia  1-1
  • 2012 – Campionati Europei Germania-Italia 1-2
  • 2013 – Amichevole Italia-Germania  1-1
  • 2016 – Amichevole Germania-Italia  4-1
  • 2016 – Campionati Europei Germania-Italia 1-1 (5-6 dcr)

Gli ultimi 5 risultati in gare ufficiali:

  • 2016  – Germania – Italia 1-1 (6-5 dcr)
  • 2012 – Germania – Italia 1-2
  • 2006 – Germania – Italia 0-2 (dts)
  • 1996 –  Italia – Germania 0-0
  • 1988 – Germania – Italia 1-1

Gli ultimi 5 risultati in amichevole:

  • 2003 – Germania-Italia 0-1
  • 2006 – Amichevole Italia-Germania 4-1
  • 2011 – Amichevole Germania-Italia 1-1
  • 2013 – Amichevole Italia-Germania 1-1
  • 2016 – Amichevole Germania-Italia 4-1

 

Probabili formazioni:
Italia (3-4-3): Buffon; Darmian, Bonucci, Romagnoli; Candreva, Verratti, Parolo, De Sciglio; Bernardeschi, Belotti, Insigne. All. Ventura
Germania (4-2-3-1): Leno; Rudy, Mustafi, Howedes, Hector, Weigl; Gundogan, Muller; Goretzka, Gnabry, Volland. All. Loew

>