Milan - Torino

Giovedì 12 gennaio ore 21:00

A quanto pare, al momento dell’addio di Mihajlovic, lo spogliatoio del Milan era praticamente diviso a metà. Da una parte il gruppo degli stranieri anti Sinisa (tra i quali è rimasto solo Niang, oggi squalificato) e dall’altra il gruppo degli italiani pro-Sinisa. Gruppo che, ad oggi, rappresenta lo zoccolo duro della squadra “””””super campione d’Italia”””””. Parliamo naturalmente di Bonaventura, Abate, De Sciglio, Antonelli, Poli, Bertolacci, Montolivo, Romagnoli e naturalmente Donnarumma.

Ad oggi, a detta degli stessi giocatori, il Milan può contare su un gruppo di calciatori unito, compatto, e che soprattutto vive il piacere di stare assieme quotidianamente. Insomma, Montella si è ritrovato tra le mani l’occasione di poter gestire un gruppo ricompattatosi da sé, e che fa della propria unione il proprio principale punto di forza.

La premessa alla partita non può che essere quindi psicologica. Intanto, vi auguriamo un buono studio con la una statistica: 5 “Gol” e 7 “Over 1.5” nelle ultime 8 sfide tra i due allenatori.

1ª partita in questa edizione per i rossoneri, 3ª per i granata che dopo aver battuto col risultato di 4-1 la Pro Vercelli, hanno superato il Pisa con un 4-0 dopo i tempi supplementari.

 

Quote Passaggio turno:

  • Milan 1.56
  • Torino 2.25

Il pronostico:

“X2” (1.75) – rischio alto 

“Gol Ospite” (1.34) – rischio alto

Alternative: “Gol” (1.60) – rischio alto

Il match si preannuncia più equilibrato di quanto possano lasciar pensare le quote, ed entrambe le squadre in campionato sono reduci da 2 “Under 1.5” senza reti al passivo. Eppure si tratta di una gara secca con qualche assente di troppo (soprattutto tra le file del Milan), il che potrebbe comportare delle variabili non indifferenti.

Il Torino, passando il turno, avrebbe tra l’altro la possibilità non solo di inseguire il sogno Europa League, ma anche di affrontare la Juventus nel prossimo turno di coppa (dopo il 4-0 della scorsa stagione!). Dato quindi l’equilibrio, le quote sul passaggio del turno non ci piacciono, e per questo motivo, punteremmo sul passaggio granata a quota 2.25, probabilmente un po’ più che sulla “X” (3.40).

Al di la del fatto che Bonaventura in posizione avanzata va sempre temuto, conto ancora in sospeso tra Bacca (che però dal 1′ dovrebbe essere rilevato da Lapadula) e Belotti che, proprio nell’ultimo precedente a San Siro, ha sbagliato un calcio di rigore decisivo. Nel 1° turno del 2017, il centravanti granata ha mostrato un po’ di ruggine post pausa (diverse le occasioni da goal fallite), eppure la giocata “Belotti segna si” (2.30) non la escluderemmo dalle giocate senza pensieri di un giovedì sera in attesa delle partite del week end.

Sul piano tecnico, tra le due squadre non c’è una distanza abissale. Anche perché i rossoneri non solo non dispongono di un regista di ruolo come Valdifiori, ma soprattutto dovranno rinunciare al regista arretrato Romagnoli. Suso è sicuramente tra i giocatori dalla cifra tecnica più interessante. Ljajic? La sua presenza probabilmente inciderà solo se quella di stasera sarà una di quelle 4/5 partite che il serbo azzecca in una stagione. Pesanti le assenze di Niang da una parte e Iago Falque dall’altra.

Sul piano tattico il Milan è una squadra asimmetrica la cui colonna portante è costruita sui seguenti capisaldi: Donnarumma, Romagnoli, Suso, Niang (con il sostegno eclettico, costante, paziente e affamato di Bonaventura). Bene, ben 2 di questi 5 giocatori non saranno disponibili e tra l’altro la coppia di difesa rossonera non promette certezze. Il Torino invece, dalla sua, è una squadra per certi versi strana: ama colpire in contropiede, ma fatica in fase difensiva. Soffre da morire i cross in area, i duelli fisici, e soprattutto non sempre è costante ed ordinata in fase di pressing sull’avversario. Stando ai numeri infatti, se il Milan dopo 18 giornate di campionato, presenta 28 goal fatti e 20 goal subiti, il Torino presenta 36 goal fatti (4° miglior attacco di Serie A) e 27 subiti. Già, come già visto nel precedente stagionale (Milan – Torino 3-2), la rapidità in ripartenza dei granata potrebbe mettere in crisi la difesa rossonera.

Sul piano atletico il Milan sembra essersi ripresentano discretamente bene a inizio anno, anche se tra attacchi influenzali e varie, non potrà contare sul suo 11 ideale. Il Torino è partito così così a Sassuolo dove, nonostante lo 0-0, le occasioni da goal non sono mancate, ma la partenza sprint di agosto può valere almeno un indizio sulla facilità con cui i brevilinei granata tendono ad entrare in forma. Resta qualche dubbio sulla tenuta atletica di qualche giocatore, come ad esempio Iturbe.

Sul piano psicologico, la sfida è molto delicata. Nessuna delle due squadre presenta in rosa chissà quali Calciatori. Ma attenti, perché i rossoneri questa volta potrebbero risentire della pressione di aver qualcosa da perdere; situazione psicologica quindi in teoria praticamente opposta a quella goduta in finale di Super Coppa contro la Juventus. Resta il fatto che il Milan può contare su una compattezza di gruppo non indifferente e che spesso è parsa determinante nei momenti di difficoltà.

Sul piano statistico, il Milan presenta un buonissimo rendimento casalingo, mentre il Torino tende a soffrire le trasferte. In campionato infatti, 7 “1”, 2 “X” e 1 “2” nelle 10 gare casalinghe dei rossoneri, 5 “1”, 3 “X” e 2 “2” nelle 10 trasferte dei granata. Sempre in Serie A, addirittura 5 “Under 1.5” nelle 10 gare casalinghe del Milan reduce da 3 “Under 1.5” complessivi , solo 2 “Under 1.5” nelle 10 trasferte del Torino reduce da 2 “Under 1.5” complessivi; i 5 “No Gol Ospite” (gare chiuse senza subire goal) casalinghi degli uni non trovano gran che corrispondenza con i 7 “Gol Ospite” esterni degli altri. Entrambe sono reduci da 2 partite consecutive senza reti al passivo.

Lo studio statistico (campionato): 

MILAN

IN GENERALE (18 gare)

  • Solo 1 sconfitta nelle ultime 8 gare
  • “1” nelle ultime 4 gare
  • 15 “12” (senza pareggi) nelle 18 gare
  • 2 gare consecutive in cui non subisce goal
  • 5 gare in cui subisce goal nelle ultime 7
  • 2 gare in cui non segna goal nelle ultime 3
  • “No Gol Ospite” consecutivi
  • 11 “Gol Casa” nelle ultime 12 gare
  • “Under 2.5” consecutivi

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • Non ci sono statistiche in corso interessanti

TORINO

IN GENERALE (19 gare)

  • sconfitte nelle ultime 5 gare
  • Solo 1 vittoria nelle ultime 5 gare
  • “12” (senza pareggi) nelle ultime 8 gare
  • 2 gare consecutive in cui non subisce goal
  • 11 gare in cui subisce goal nelle ultime 14

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • 26 gare in cui segna almeno un goal nelle ultime 30

Statistiche a cura di Okpronostico

News dai campi:

Qui Milan.
In difesa mancherà Ignazio Abate. Per quanto riguarda il centrocampo, Andrea Bertolacci dovrebbe sostituire Manuel Locatelli in mezzo al campo, mentre M’baye Niang è squalificato.

Così Montella: “Ci teniamo molto, anche perché dobbiamo ricordarci dove ci ha portato la Coppa Italia nella scorsa stagione. È una gara secca quindi l’approccio deve essere come quello di una finale, perché ogni errore può costare caro. Il Torino dispone di ottimi giocatori ed è una squadra allenata molto bene, sicuramente non sottovaluteremo l’impegno. Hanno un attacco mobile e un centrocampo molto tecnico, dovremo fare attenzione alle loro individualità. Il fatto di affrontarli 2 volte in pochi giorni significa che non ci saranno alibi per la sfida di lunedì, noi e loro partiamo sullo stesso piano”.

Sulla formazione: “Abbiamo qualche problema: Antonelli non si è allenato per un affaticamento, Romagnoli ha avuto un attacco influenzale quindi credo non sia recuperabile. Per quanto riguarda i rientri, Kucka è sicuramente recuperato, per Abate vedremo oggi. Sicuramente abbiamo dimostrato che stiamo allargando il numero di giocatori impiegati. Non faremo grossi cambiamenti, qualche cambio ci sarà, ma niente stravolgimenti. Cercheremo di mettere in campo la formazione migliore”.

Sull’atteggiamento in campo: “Domenica abbiamo fatto 29 tiri in porta non concedendo nulla agli avversari, giocando alti e corti. Penso che abbiamo fatto una grande partita, decisa poi dal guizzo dei 2 attaccanti. A livello di modulo si può sempre cambiare, ma nel nostro caso è difficile visto che, al momento, in rosa abbiamo solo 2 punte, vista l’imminente cessione di Luiz Adriano. Ci sono tanti giovani in quel reparto nel settore giovanile, quindi abbiamo soluzioni interne. Stanno facendo tutti bene dall’inizio del campionato, uno su tutti è Abate. Sono ragazzi con voglia di rivalsa, mi auguro di convincerli che si possa migliorare ancora”.

Qui Torino.
22 i convocati. Non ci saranno Avelar, Castan e Iago Falque. Così Mihajlovic: “Per andare in Europa ci sono tante strade e una di queste è la Coppa Italia. Si tratta di una competizione importante dove non basta solo fare bella figura. Nelle partite secche sinora abbiamo dimostrato di potercela giocare contro tutti e quindi andiamo a San Siro fiduciosi, cercando di passare il turno. Sappiamo che non sarà facile, ma anche che non è impossibile: noi dobbiamo solo pensare a fare bene la nostra partita. La formazione? Cambierò il meno possibile”.

Le statistiche del Milan in Coppa Italia

  • Milan imbattuto nelle ultime 7 partite
  • Milan reduce da 3 “No Gol” consecutivi
  • 6 “Under 2.5” nelle ultime 8 gare del Milan
  • 9 “Under 3.5” nelle ultime 10 gare del Milan

 

Le statistiche del Torino in Coppa Italia

  • 7 “Over 2.5 + Gol” nelle ultime 9 partite
  • 8 “Over 1.5” nelle ultime 9 partite

 

I precedenti tra Milan e Torino in Coppa Italia

  • Nei 21 precedenti complessivi in Coppa Italia: 5 vittorie per il Milan, 8 pareggi e 8 vittorie per il Torino
  • 7 “1X” nei 9 precedenti in casa Milan: 4 “1”, 3 “X” e 2 “2”
  • L’ultimo precedente di Coppa Italia: Milan – Torino 0-1 (gara di ritorno dopo Torino- Milan 1-3)

 

I precedenti tra Montella e Mihajlovic

  • Milan – Torino 3-2 (Serie A 2016/2017)
  • Sampdoria – Milan 0-2 (Serie A 2015/2016)
  • Milan – Sampdoria 4-1 (Serie A 2015/2016)
  • Fiorentina – Sampdoria 2-0 (Serie A 2014/2015)
  • Sampdoria – Fiorentina 3-1 (Serie A 2014/2015)
  • Sampdoria – Fiorentina 0-0 (Serie A 2013/2014)
  • Fiorentina – Catania 2-2 (Serie A 2011/2012)
  • Fiorentina – Roma 2-2 (Serie A 2010/2011)

 

Probabili formazioni:

Milan (4-3-3) Donnarumma; Calabria, Gomez, Paletta, De Sciglio; Kucka, Sosa, Bertolacci; Suso, Lapadula, Bonaventura. All. Montella
Torino (4-3-3) Hart; De Silvestri, Rossettini, Moretti, Barreca; Benassi, Valdifiori, Baselli; Ljajic, Belotti, Iturbe.  All. Mihajlovic

>