Doveva essere il potenziatore dell’Inter, ma è andata a finire male. Il rapporto di lavoro tra Stefano Pioli e la società neroazzurra è durato davvero poco. Giusto il tempo di conoscersi, capirsi e poi dirsi ciao. Il declino è cominciato, guarda caso, subito dopo quel 5-4 contro la Fiorentina, all’Artemio Franchi, nel girone di ritorno. La Viola adesso è entrata a far parte della vita dell’allenatore.

La carriera del tecnico

Stefano Pioli infatti ha firmato con la società dei Della Valle un contratto biennale, con opzione per il terzo anno. La carriera da allenatore di Pioli è cominciata sulla panchina della Salernitana, nella stagione 2003/04; poi è proseguita a Modena, Parma, Grosseto, Piacenza, Sassuolo, Chievo e Palermo, Bologna, fino ad approdare sulla panchina della Lazio. Qui, in due stagioni, è andato vicino a conquistare il suo primo importante trofeo. Nel 2015 perse la finale di Coppa Italia contro la Juventus ai supplementari, vedendo sfumare questa possibilità.

Il palmares 

  • Campionato Allievi Nazionali: 1 (Bologna, 2000-2001)
ddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddd

 

Pioli il potenziatore…

E dopo la Lazio, a novembre dello scorso anno, cominciò la sua avventura sulla panchina dell’Inter. Lo start avvenne tra la 12ª e la 13ª giornata con il tecnico che fece scendere in campo i suoi con un semplice, ma efficace, 4-2-3-1. Dopo il roboante 7-1 inflitto all’Atalanta, la squadra di Pioli si portò a 6 punti dal Napoli, ma dopo la pausa per le nazionali, le cose cambiarono. Dopo il 2-2 in trasferta col Torino, i giocatori mollarono mentalmente e seguirono 5 sconfitte nelle successive 6 partite (contro Sampdoria, Crotone, Fiorentina, Napoli e Genoa) e un pari 2-2 in un derby buttato via dopo il 2-0 all’intervallo. Da qui l’inevitabile esonero.

Il punto tattico

Il tecnico mette al centro della sua idea di gioco l’organizzazione. I giocatori, inoltre, devono migliorare sempre più da un punto di vista tecnico-tattico individuale. Il “gruppo” è il valore aggiunto della filosofia di gioco di Pioli. I punti focali della sua idea di calcio sono le fasce laterali.