Un allenatore non proprio giovane e alla sua prima esperienza importante. Heiko Herrlich è il nuovo allenatore del Bayer Leverkusen. Ardua la scelta della società di affidare la panchina ad un volto non noto del panorama tedesco, ma con una storia forte alle spalle.

Le aspirine sono reduci da una stagione davvero deludente. Un cambio in panchina (Schmidt-Korkut) e una salvezza raggiunta solo alla penultima giornata. Scelta dunque rischiosa per il Bayer perché, leggendo il curriculum del tecnico si evince che ha allenato per la maggior parte squadre giovanili (Borussia Dortmund Under 17 e Bayern Monaco Under 17) e poi squadre di leghe inferiori come Bochum e Unterhaching.

Ha giocato nel Borussia Dortmund 1996/1997

Herrlich ha militato nelle fila di Friburgo, Bayer Leverkusen, Borussia Mönchengladbach e Borussia Dortmund, totalizzando 258 presenze e 76 reti in Bundesliga. In particolare, da calciatore, ha trionfato con i gialloneri nella finale del 1996/1997 contro la Juventus. 3-1 il finale ai favore dei gialloneri. Nel 2000 gli fu diagnosticato un tumore al cervello, annunciato alla Borsa di Francoforte che sconfisse dopo qualche anno e ricorda il tutto così: “Accusai i primi problemi alla vista, cominciavo a vederci male. Dopo delle visite all’ospedale mi diagnosticarono il cancro: non ci potevo credere. Ma mi dissero però che potevo farcela. Dopo le prime chemioterapie stavo male, vomitavo. Non vedevo la luce in fondo al tunnel”.

Con forza, però, riuscì a recuperare e a tornare in campo solo 10 mesi dopo la tragica diagnosi. Alla fine della stagione 2003-2004, ritiratosi dall’attività agonistica, cominciò la carriera di allenatore con la Nazionale di calcio tedesca Under-17.