Josip Ilicic è ufficialmente un giocatore dell’Atalanta. Dopo un lungo tira e molla con la Samp, lo sloveno alla fine ha spiazzato tutti, scegliendo la Dea. A tal proposito, durissime le parole di Ferrero sulla questione: il presidente dei blucerchiati ha accusato Ilicic di scarsa professionalità, adducendo al fatto che vi fosse già un accordo tra le parti.

Dati sul calciatore

  • Età: 29 anni
  • Presenze con la Fiorentina nella stagione 2016/2017: 30 Reti realizzate con la Fiorentina nella stagione 2016/2017: 5
  • Cartellini gialli/rossi: 2/0
  • Costo trasferimento: 5 milioni di euro

Gasperini lo ha voluto fortemente

A spingere per la chiusura della trattativa, sicuramente Gasperini. L’allenatore nerazzurro ha già avuto modo di conoscere Ilicic durante la sua esperienza al Palermo, finita anzitempo causa malumori di Zamparini. Nell’esperienza in Sicilia, il Gasp faceva giocare lo sloveno largo sulla destra, così da permettergli di rientrare col suo potente sinistro e di calciare.

Stagione un po’ sottotono

L’ultima stagione non è stata una delle migliori per Ilicic. Solo 5 reti in campionato e tante partite giocate al di sotto delle aspettative. Sicuramente a influire anche l’ambiente, con la tifoseria in perenne contrasto con la società. Ilicic non è riuscito ad incidere a dovere nel sistema di Paolo Sousa, diventato più volte saturo a causa dello sterile possesso palla e della mancanza di idee in attacco.

Un’eterna promessa

Arrivato a 29 anni, le possibilità di approdare in una big sono ormai lontane. Eppure, c’è chi avrebbe fatto anche carte false dopo averlo visto giocare durante la sua 1ª stagione a Palermo. Guardate questo video e godetevi tutto: dalle giocate dei due fantasisti alla canzone di Celentano. A Firenze invece, ha alternato alti e bassi: arrivato sotto la gestione Montella, all’inizio anche a causa di qualche infortunio non ha inciso a dovere. La sua stagione migliore è stata senza dubbio quella con Paulo Sousa in panchina. Ben 13 reti messe a segno nella stagione 2015/2016, che sono valse alla sua squadra l’approdo alla fase a gironi dell’Europa League.