Olanda - Germania

Sabato 13 ottobre 20:45

Il pronostico:

“X2” (1.29) DIFFICOLTÀ MEDIA

“X2 + Over 1.5” (1.60) DIFFICOLTÀ ALTA

Chi sta peggio

La Germania ha tutto da perdere. Di fatto, la nazionale tedesca ha vinto solo 3 delle ultime 10 partite complessive tra amichevoli, Mondiale e Nations League. L’Olanda, invece, gioca in maniera spensierata, consapevole però della situazione di crisi in cui si trova il movimento calcistico. Considerando la maggiore esperienza a livello calcistico dei calciatori tedeschi, l'”X2” (1.29) non dispiace, magari considerando l'”Over 1.5” (1.19) come valida alternativa. Al posto della combo, possibile il “Gol” a quota 1.60.

La crisi tedesca

E non parliamo certo di economia. I riflettori di tutta Europa sono puntati sulla nazionale tedesca che sta attraversando un periodo di crisi post successo nel Mondiale del 2014. Diciamo comunque, che è capitato a tutte le nazionali di doversi riassestare dopo il trionfo nella massima competizione mondiale (e l’Italia ne sa qualcosa). Dunque sparare troppo su questa nazionale ci sembra eccessivo.

Sta di fatto che ci sono alcuni problemi per Loew. Praticamente è la stessa situazione che sta vivendo il Bayern Monaco in Bundesliga: si aspetta il ricambio generazionale, e i giovani che ci sono non sono all’altezza della fama della squadra in cui giocano. Rudiger non è Howedes, Emre Can non è Schweinsteiger, Werner non è Klose.

E Loew è rimasto in carica

Nonostante gli errori commessi al Mondiale, partendo da alcune scelte sui calciatori convocati e su quelli esclusi, Loew è rimasto in panchina. Ballack lo ha attaccato di recente, ma Kross ne ha preso le difese. Che Germania sarà dunque? Contro la Francia, nella 1ª gara di Nations League, ha dimostrato di essere forte e tenace, come ci ha abituato nel tempo, ma non vincente.

I problemi dell’Olanda

Quella nazionale che aveva attirato le attenzioni negli anni 70-80 (vincendo anche un europeo), che aveva sfornato talenti del calibro di Van Basten, Gullit e Rijkaard, non esiste più. Non che negli anni non abbia lanciato talenti (anzi), ma non è mai stata vincente. Il lento declino è cominciato dal 2010, anno della finale del Mondiale persa contro la Spagna. Da quel momento, nulla più.

Ne è seguita la terribile performance all’Europeo 2012, concluso con 3 sconfitte contro Danimarca, Portogallo e Germania e conseguente ultimo posto nel girone. Nessuna rivoluzione, anzi la dirigenza ha preferito affidarsi all’usato sicuro e non guardare al futuro. Dunque si è sperato ancora nei singoli: Sneijder, Robben, Kuyt e van Persie, snaturando parte della propria filosofia calcistica, affidandosi più ai singoli che a un’idea collettiva di gioco. Si certo, è arrivato un 3° posto al Mondiale del 2014, ma è stato solo un “incidente di percorso”!

Storica rivalità

2 incontri in particolare hanno acceso l’antagonismo tra le 2 squadre.: la finale del Mondiale del 1974, quando la Nazionale teutonica, guidata da Franz Beckenbauer batté di misura 2-1 il team di Johan Cruyff; gli ottavi di finale a Italia ’90, quando a vincere furono ancora i tedeschi, ma la partita prese una brutta piega quando l’olandese Frank Rijkaard, dopo aver fatto un brutto fallo sul rivale Rudi Völler, sputò addosso all’avversario. Ultimo precedente: uno 0-0 in amichevole nel 2012.

News dai campi:

Qui Olanda.

L’Olanda ha perso la 1ª gara di Nations League per 2-1 contro la Francia. Koeman dovrebbe adottare un 3-4-2-1. Tra i pali giocherà Cillessen, mentre in difesa ci sarà l’interista De Vrij. Depay e Bergwijn sosterranno l’unica punta De Jong, volto nuovo di questa nazionale giovane.

Qui Germania.

I tedeschi hanno una striscia aperta di cinque risultati utili consecutivi contro gli olandesi dal 2004 in avanti, 3 pareggi e 2 vittorie. La Germania ha pareggiato la 1ª gara di Nations League per 0-0 contro la Francia.

Low dovrebbe adottare un 4-2-3-1. Probabile panchina per il neo convocato Emre Can, mentre non dovrebbero prendere parte al match Rudiger, Havertz, Trapp e Goretzka. In attacco, alle spalle dell’unica punta Werner (4 reti in Bundesliga), troveranno spazio dal primo minuto Sanè, Draxler e Reus.

Probabili formazioni:

Olanda (3-4-2-1): Cillessen; De Ligt, De Dijk, Blind; Tete, Propper, De Jong, Babel; Promes, Depay, Wijnaldum. CT: Koeman.

Germania (4-2-3-1): Neuer; Kimmich, Boateng, Hummels, Hector; Kroos, Rudy; Reus, Draxler, Sanè; Werner. CT: Loew.

Lo studio statistico:

Gli ultimi 10 risultati dell’Olanda (in ordine cronologico):

  1. Bielorussia – Olanda 1 – 3 (Qualificazioni Russia 2018)
  2. Olanda – Svezia 2 – 0 (Qualificazioni Russia 2018)
  3. Scozia – Olanda 0 – 1 (Amichevole)
  4. Romania – Olanda 0 – 3 (Amichevole)
  5. Olanda – Inghilterra 0 – 1 (Amichevole)
  6. Portogallo – Olanda 0 – 3 (Amichevole)
  7. Slovacchia – Olanda 1 – 1 (Amichevole)
  8. Italia – Olanda 1 – 1 (Amichevole)
  9. Olanda – Perù 2 – 1 (Amichevole)
  10. Francia – Olanda 2 – 1 (Nations League)

Gli ultimi 10 risultati della Germania (in ordine cronologico):

  1. Germania – Francia 2 – 2 (Amichevole)
  2. Germania – Spagna 1 – 1 (Amichevole)
  3. Germania – Brasile 0 – 1 (Amichevole)
  4. Austria – Germania 2 – 1 (Amichevole)
  5. Germania – Arabia Saudita 2 – 1 (Amichevole)
  6. Germania – Messico 0 – 1 (Russia 2018)
  7. Germania – Svezia 2 – 1 (Russia 2018)
  8. Corea del Sud – Germania 2 – 0 (Russia 2018)
  9. Germania – Francia 0 – 0 (Nations League)
  10. Germania – Perù  2 – 1 (Amichevole)