Torino - Juventus

Domenica 11 Dicembre ore 15:00

Fioccano “Gol” e “Over 2.5” nelle gare del Torino, ultimamente fioccano “Gol” e spunta qualche “Over 2.5″ anche nelle partite della Juventus che in trasferta rimane comunque tendente all'”Under 3.5”.

Il Toro è imbattuto in casa (5 vittorie e 2 pareggi), la Juventus in trasferta ha raccolto 4 vittorie e già 3 sconfitte (arrivate tutte e 3 dopo una gara di Champions).

Ah, in conferenza stampa Mihajlovic scatenato. Sa benissimo che quella dell’aprile 2015 è stata l’unica vittoria granata negli ultimi 20 precedenti in Serie A e sa benissimo che la Vecchia Signora è la squadra con cui il Toro ha raccolto più sconfitte nella massimo campionato.

Il pronostico:

“Under 1.5 1° Tempo” (1.35) – rischio alto

“X2 + Under 3.5” (1.60) – rischio alto

“X” (3.50) – rischio alto

Alternative: “Gol Ospite” (1.16) – rischio alto; “Gol” (1.75) – rischio alto

La giocata “X2” (1.22) è quotata davvero poco in proporzione ai rischi della sfida.

Il pronostico sul derby è a rischio alto per definizione, quindi, ecco per la “X” a quota alta, consideratela per le multiple ignoranti.

Ah, se il Torino in casa segna a raffica, la Juventus in trasferta è reduce dal 1° “Over 1.5 1° Tempo”.

Ecco gli spunti tattici principali:

  1. la Juventus è 2ª per numero di reti segnate di testa (6), il Torino è la squadra di Serie A che ne ha subite di più (7)
  2. difficilmente le ripartenze del Torino troveranno scoperta la linea difensiva della Juve che solitamente tende a non giocare, ma ad attendere e a far giocare l’avversario in queste partite
  3. in fase di possesso e quindi anche di equilibrio, la Juve potrebbe risentire dell’assenza di Barzagli oltre che dei 2 principali capisaldi del possesso del pallone: Bonucci & Dybala (quest’ultimo subentrerà sicuramente a partita in corso)

 

Sul piano psicologico la sfida è molto difficile da decifrare. Nel Torino c’è poca fisicità e molta qualità, ma queste partite si vincono principalmente con i singoli, non quelli dai piedi buoni, ma quelli dotati di carattere, quelli che per natura vogliono cambiare le cose quando le cose non vanno bene (vedi Bonnie a Siviglia). Belotti quanto a fame di goal però non scherza, e Iago Falque potrebbe essere spinto da qualche motivazione particolare dato il suo passato nelle giovanili bianconere, Ljajic è più discontinuo e lunatico di una donna alle prese con i suoi fisiologici capricci ormonali. Dall’altra parte però peseranno le assenze dei leader bianconeri, mancherà 2 terzi della vecchia guardia difensiva, anche se Mandzukic in questo momento incarna alla grande il prototipo di centravanti bianconero. Pjanic, nonostante le 3 reti e i 3 assist nelle ultime 5 partite di campionato, nei momenti decisivi spesso dimentica di decidere per poi evaporare, altre volte improvvisa goal per i fotografi. E a dire il vero, anche lo stesso Higuain (fresco di 29° compleanno), nonostante la condizione fisica scandalosa, il destro può tirarlo fuori in qualsiasi momento.
In tutto questo, va considerata la variabile tifoseria di casa!

Lo studio statistico: 

TORINO

IN GENERALE (15 gare)

  • 3 vittorie nelle ultime 4 gare
  • Solo 2 sconfitte nelle ultime 12
  • 9 gare in cui subisce goal nelle ultime 10
  • 9 gare in cui segna almeno un goal nelle ultime 10
  • 8 “Gol” nelle ultime 10 gare
  • 8 “Over 2.5” nelle ultime 10 gare
  • 10 “Over 1.5” consecutivi
  • 9 “Gol Casa” nelle ultime 10 gare

IN CASA (7 gare)

  • SEMPRE “1X”
  • 4 “1” (vittorie) nelle ultime 5 gare
  • 5 “Gol” consecutivi
  • 5 “Over 2.5” consecutivi

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • 7 “1X” nelle ultime 8 gare in casa
  • 11 “Gol” nelle ultime 12 gare in casa
  • 10 “Over 2.5” nelle ultime 11 gare in casa

JUVENTUS

IN GENERALE (15 gare)

  • SEMPRE “12” (senza pareggi)
  • 5 vittorie nelle ultime 6 gare
  • 7 “1” nelle ultime 8 gare
  • 7 gare in cui subisce goal nelle ultime 8
  • 5 “Gol” nelle ultime 6 gare
  • 6 “Over 2.5” consecutivi
  • 8 “Over 2.5” nelle ultime 9 gare
  • 8 “Gol Casa” consecutivi

IN TRASFERTA (7 gare)

  • SEMPRE “12” (senza pareggi)
  • 3 “2” (vittorie) nelle ultime 5 gare
  • 2 “1” (sconfitte) nelle ultime 3 gare
  • 6 “Gol Ospite” nelle ultime 7 gare
  • 3 “Over 2.5” nelle ultime 4 gare
  • 6 “Under 3.5” nelle ultime 7 gare

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • 27 “12” (senza pareggi) consecutivi
  • solo 4 sconfitte nelle ultime 43
  • 26 gare in cui segna almeno un goal nelle ultime 27
  • 44 “12” (senza pareggi) nelle ultime 45 gare
  • 12 “12” (senza pareggi) consecutivi in trasferta
  • 11 “Gol Ospite” nelle ultime 12 gare in trasferta
  • 9 “Under 3.5” nelle ultime 10 gare in trasferta

Statistiche a cura di Okpronostico

News dai campi:

Qui Torino. Probabilmente in panchina l’ex Moretti, indisponibile l’ex Molinaro, ma titolare l’ex Iago Falque (più che di un ex, in realtà si tratta di un giocatore che ha militato nelle giovanili bianconere). Sinisa si è presentato in sala stampa con un magazziniere ed un tifoso.

Mihajlovic sul derby: “La Juve non giocherà solo contro 11 giocatori, ma contro tutta la nostra gente, il nostro presente e il nostro glorioso passato, siamo in tanti e dovranno sudare sette camicie per batterci. Sono come un dragone, se gli tagli la testa ne spuntano 2. Per la Juve ho rispetto, per i suoi giocatori, per la sua storia: rispetto, ma non paura. Proprio per questo faremo di tutto per toglierci questa grande soddisfazione di batterla. Dovremo essere lucidi, concentrati, usare la testa, ognuno rispettare il proprio compito. Non so se verranno rispettati i pronostici o si verificherà l’imprevedibile, cioè che non sempre il più forte vince, ma di una cosa sono sicuro: so che usciremo a testa alta giocando da Toro e dando tutto. L’arbitro? Non mi preoccupo degli arbitri, sono tutti bravi e possono sbagliare come tutti. Non dobbiamo pensare all’arbitro, ma a noi stessi, nel bene e nel male. Vinceremo o perderemo al di la dell’arbitraggio. Quando arrivai a Roma la prima cosa che mi chiesero i tifosi fu vincere il derby e per me vincere solo il derby è una mentalità provinciale. Non basta vincere il derby e poi vivere di rendita. È una partita importante, ma porta come tutte le altre solo 3 punti”.

Qui Juventus. 

Si va verso il 4-3-1-2 con Pjanic libero di cincischiare e di tanto in tanto inventare nel ruolo di trequartista. I suoi piedi non si discutono, ma la sua personalità si devono discutere dato che la partita contro la Dinamo Zagabria ha deciso di spaccarla Lemina, non lui.

Così Allegri alla vigilia: “Contro i granata è sempre dura, il derby è una partita diversa dalle altre. Voglio una Juventus tosta da tutti i punti di vista. Vedremo se avrà prevalso l’incoscienza o l’esperienza. Il derby è una partita diversa dalle altre, molto sentita dalla città e dai tifosi. Il Toro è una squadra importante. Ha il 3° attacco della Serie A. È una squadra più tecnica che fisica e ha un tridente molto pericoloso. Ha giocatori tecnici e veloci. Per noi la partita di Genova deve essere come quella di Carpi dell’anno scorso. Solo che a Carpi gli ultimi 2 minuti ci è andata bene, a Genova ci sono andati male i primi 29 minuti. Dobbiamo prepararci bene, perché abbiamo 3 gare molto importanti: 2 in campionato e 1 che vale il 1° trofeo della stagione. Ci siamo allenati bene e siamo pronti per affrontare la gara col Toro che sarà sicuramente difficile. Il calcio è fatto di duelli. Indipendentemente che si dica zona, non zona, dopo alla fine devi essere bravo a saltare l’uomo, devi essere bravo a vincere i duelli aerei, devi essere bravo a vincere i contrasti. Le partite si vincono con i duelli. Il derby è sempre indecifrabile, ma servirà sicuramente una partita tosta”.

Probabili formazioni:

Torino (4-3-3): Hart; Zappacosta, Rossettini, Castan, Barreca; Benassi, Valdifiori, Baselli; Iago Falque, Belotti, Ljajic
A disp.: Padelli, Cucchietti, Moretti, Ajeti, BovoDe Silvestri, Lukic, Vives, Acquah, Gustafson, Martinez, Boyé, Maxi Lopez. All.: Mihajlovic
Squalificati: –
Indisponibili: Molinaro, Obi

Juventus (4-3-1-2): Buffon; Lichtsteiner, Rugani, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Marchisio, Sturaro; Pjanic; Higuain, Mandzukic
A disp.: Neto, Audero, Benatia, Evra, Cuadrado, Lemina, Hernanes, Asamoah, Dybala. All.: Allegri
Squalificati: –
Indisponibili: Mandragora, Barzagli, Pjaca, Bonucci, Dani Alves