Milan - Atalanta

Sabato 17 Dicembre ore 18:00

Ognuno la pensi come gli pare. Chiunque è libero di ritenere il Milan una piacevole novità giovane e fresca e chiunque è libero di considerare il Milan una squadra giovane, per certi versi interessante, ma composta da pochi Calciatori e troppi giocatori dal faccino dolce, forse troppo dolce, “forse forse raccomandato!”… urlerebbe un nostalgico del Calcio, quello con la “C” maiuscola!
Discorso non molto diverso vale per l’Atalanta che però presenta schemi di gioco più interessanti in rapporto alla qualità individuale media a disposizione del Gasp.

A conti fatti però, dall’essere giovane talento all’essere Uomo di campo ce ne passa. E per il momento, e per i giocatori di entrambe, una cosa sembra certa: i tempi per il grande salto sono immaturi, il passo sarebbe troppo lungo per essere sostenuto da spalle così strette. E naturalmente parlo in termini figurativi, quindi Suso non me ne voglia, anzi, è uno di quelli che sulle spalle strette, qualche carico di responsabilità creativa se lo carica.

Bezzecole a parte…
Milan e Atalanta in questo campionato hanno sofferto da morire proprio quando hanno sentito addosso la pressione. I rossoneri si sgretolarono in casa di un Genoa (squadra per certi versi ispirata agli schemi di Gasperini) dopo la vittoria sulla Juve; i bergamaschi si sciolsero allo Juventus Stadium dove ci arrivarono con la pressione di chi era reduce da tot numero di vittorie eccetera eccetera.

Dunque parola d’ordine per entrambi gli allenatori: “testa libera!

E l’impressione è che farà meglio la squadra che saprà gestire meglio la libertà dalle pressioni. I rossoneri però dal canto loro potranno contare oltre che su di un gruppo coeso anche su un San Siro che vorrà vedere un bel compleanno per l’A.C. Milan.

Il pronostico:

“Gol Casa” (1.18) – rischio medio 

“1X + Over 1.5” (1.65) – rischio alto

“Gol” (1.75) – rischio alto

Alternative: “1X” (1.24) – rischio medio; “Petagna segna si” (3.40) – rischio alto

Nonostante i 4 punti di distanza tra le due squadre, il conto delle reti segnate e subite è pressoché vicino al pari, quello delle reti subite perfettamente pari: 20 a testa. Curioso il fatto che l’Atalanta sia l’unica squadra di Serie A ad aver segnato più reti su palla inattiva che su azione.
Da una parte l’ex Bonaventura (una sua rete in qualsiasi momento è quotata 3.80) che da ex ha già segnato ai bergamaschi, dall’altra l’ex Petagna (una sua rete in qualsiasi momento è quotata 3.40) che potrà contare anche sulla fantasia e il lavoro di Gomez reduce da 3 assist, e a segno nell’ultimo precedente.

Nelle ultimissime statistiche di entrambe le squadre spicca qualche “Gol” e qualche “Over 2.5” nelle ultime partite.
Il resto delle statistiche sono agli antipodi. Gli “1”, gli “1X” e i “Gol Casa” casalinghi dei rossoneri non trovano riscontro nelle statistiche esterne dei bergamaschi, il cui momento d’oro però, negli ultimi 2 turni si è inceppato. A proposito: Atalanta reduce da 8 partite senza pareggi. Il ritardo della “X” comincia a farsi importante.

Lo studio statistico: 

MILAN

IN GENERALE (16 gare)

  • Solo 2 sconfitte nelle ultime 13
  • 9 “12” (senza pareggi) nelle ultime 10 gare
  • 5 gare consecutive in cui subisce goal
  • 4 “Gol” nelle ultime 5 gare
  • 10 “Gol Casa” consecutivi
  • 4 “Over 2.5” nelle ultime 5 gare

IN CASA (8 gare)

  • 5 “1” (vittorie) nelle ultime 6 gare
  • 6 “1X” consecutivi
  • 7 “12” (senza pareggi) nelle ultime 8 gare
  • 6 “Gol Casa” consecutivi

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • 8 “12” (senza pareggi) nelle ultime 9 gare in casa
  • 9 “Gol Casa” nelle ultime 10 gare in casa

ATALANTA

IN GENERALE (16 gare)

  • 2 sconfitte consecutive
  • 6 vittorie nelle ultime 8 gare
  • 8 “12” (senza pareggi) consecutivi
  • Solo 2 sconfitte nelle ultime 11
  • 3 gare in cui subisce goal nelle ultime 4
  • 3 “Gol” nelle ultime 4 gare
  • 5 “Over 2.5” nelle ultime 6 gare
  • 6 “Over 1.5” consecutivi

IN TRASFERTA (8 gare)

  • 3 “2” (vittorie) nelle ultime 4 gare
  • 5 “X2” nelle ultime 6 gare
  • 7 “12” (senza pareggi) nelle ultime 8 gare
  • 4 “Gol Ospite” consecutivi
  • 4 “No Gol Casa” nelle ultime 5 gare
  • 4 “Under 3.5” nelle ultime 5 gare

DALLO SCORSO CAMPIONATO

  • 16 “12” (senza pareggi) nelle ultime 17 gare
  • 9 “12” (senza pareggi) nelle ultime 10 gare in trasferta
  • 22 “Under 3.5” nelle ultime 25 gare in trasferta

Statistiche a cura di Okpronostico

News dai campi:

Qui Milan
Nell’11 titolare rossonero dovrebbe esserci spazio per 2 ex di lusso: Paletta in difesa e Bonaventura sulla trequarti. A proposito, probabile che Niang parti dalla panchina nonostante la media punti dei rossoneri statisticamente crolli ogni volta che manca. Da questa scelta dipenderà la posizione in campo di Bonaventura. A centrocampo potrebbe rifiatare Locatelli per far spazio a Bertolacci. Montella sulla sfida contro l’Atalanta: “Compleanno del club? Sono molto orgoglioso, è un sogno che si avvera essere qui. Ci teniamo a fare un regalo di compleanno e di Natale a tutti i tifosi del Milan. Bacca e Bonaventura? Sono 2 giocatori importantissimi nell’economia della squadra. Sono contento di riaverli in squadra. Il vivaio? C’è un senso di appartenenza maggiore. Però ci sono anche calciatori che vengono da fuori e hanno un senso di appartenenza uguale o quasi uguale a quelli provenienti dal settore giovanile. La festa? È stata una bella serata. Il settore giovanile del Milan sta facendo un grandissimo lavoro. Nelle storie di tutte le società vincenti si attinge sempre dal settore giovanile”.

Sulla sfida: solite dichiarazioni ai fini della concentrazione sulla prossima partita e sul bisogno di non sentire pressioni extra prossima partita.
Dunque sul match contro i bergamaschi: “Da decenni l’Atalanta fa del settore giovanile una missione, insieme alla Roma negli ultimi 20 anni è la società che forse ne ha sfornati di più. Fanno marcatura a uomo a tutto campo e hanno aggressività nel duello. Inoltre, sono molto abili a ripartire. Serve un po’ di fortuna per sbloccare il risultato e non perdere l’equilibrio difensivo nel corso della gara. L’Atalanta ha avuto un cammino da Champions League, complimenti a loro. Veniamo entrambi da 2 sconfitte non meritate. Contro l’Udinese loro non meritavano di perdere. Affrontiamo un avversario in salute, sembrano correre meno, ma sono molto organizzati. Simile al match col Genoa? Sarà una partita ancora più difficile a livello tattico perché le squadre di Gasperini secondo me offrono qualcosa di più in fase di possesso palla. Singoli? Ce ne sono davvero tanti che mi colpiscono: Kessie, Papu Gomez, Petagna che viene dal nostro settore giovanile e sta maturando”.

Qui Atalanta
Nell’11 titolare ci sarà sicuramente spazio per l’ex di lusso Petagna che dal Milan una garande opportunità forse non l’ha mai avuta. Riscatto almeno occasionale per lui?Gasperini: “Ripartiamo dalla prestazione fatta con l’Udinese. Vogliamo dimostrare che il ko con i friulani è stato un episodio. Mi aspetto una risposta diversa rispetto alla gara con la Juventus. Andremo a San Siro con la testa libera. Abbiamo la possibilità di riscattare la prestazione dello Juventus Stadium e di giocare meglio. Sarà un test difficile contro una squadra giovane che sta facendo bene e che è cresciuta molto”.

Probabili formazioni:

Milan (4-3-3): Donnarumma; Abate, Paletta, Romagnoli, De Sciglio; Kucka, Bertolacci, Pasalic; Bonaventura, Suso, Lapadula.
A disp.: Gabriel, Plizzari, Zapata, Gomez, Antonelli, Sosa, Locatelli, Honda, Poli, Luiz Adriano, Niang, Bacca. All.: Montella
Squalificati:

Indisponibili: Montolivo, Calabria, Mati Fernandez

Atalanta (3-4-1-2): Sportiello; Toloi, Caldara, Masiello; Conti, Gagliardini, Kessie, Spinazzola; Kurtic, Gomez, Petagna.
A disp.: Bassi, Mazzini, Zukanovic, Grassi, Konko, Raimondi, Dramè, Cabezas, Migliaccio, Freuler, D’Alessandro, Pesic. All.: Gasperini
Squalificati:  –
Indisponibili: Berisha, Paloschi, Suagher