Foto Massimo Paolone/LaPresse 21 settembre 2019 Milano, Italia sport calcio Milan vs Inter - Campionato di calcio Serie A TIM 2019/2020 - stadio San Siro Nella foto: Antonio Conte (FC Internazionale Milano) Photo Massimo Paolone/LaPresse September 21, 2019 Milan, Italy sport soccer Milan vs Inter - Italian Football Championship League A TIM 2019/2020 - San Siro stadium In the pic: Antonio Conte (FC Internazionale Milano)

Antonio Conte il macellaio

A memoria, non ricordo una squadra che si lascia deliberatamente eliminare da due competizioni importanti per concentrarsi solo ed esclusivamente su di un’altra. Si faccia attenzione, a questo punto, dopo il Derby, tutto lascia intendere che l’Inter sia uscita “apposta” sia dalla Champions League che dalla Coppa Italia.

Tutto lascia intendere che Antonio Conte sia uscito “apposta” sia dalla Champions League che dalla Coppa Italia. E porca miseria: è un dottore, è un chirurgo, anzi, è un macellaio!

Come i maestri carnezzieri, ha tagliato minuziosamente e scrupolosamente il grasso che non serviva dalla coscia del suo prosciutto (la stagione dell’Inter) et voilà, al 90% i nerazzurri dovrebbero vincere questo campionato.

Finalmente i piedi belli!

Non solo nella storia del cinema (Quentin Tarantino docet), ma anche per entrare nella storia del calcio servono i piedi, quelli belli. La svolta di questa stagione nerazzurra passa soprattutto dal reintegro dei due ormai ex fuorilegge Perisic ed Eriksen. Non si offendano Ashley Young e Gagliardini, ma seppur con qualche sbavatura difensiva in più, sia il croato che il danese offrono più garanzie in termini soprattutto offensivi.

Probabilmente, Antonio Conte ha risolto il teorema di Eupalla: se convinci (e non costringi!) giocatori dalle spiccate qualità tecniche a difendere, ad attendere e a sacrificarsi, hai vinto. Il passato insegna: Eto’o terzino nell’Inter del Triplete, impossibile, poi, dimenticare l’Italia del 2006 che chiuse la semifinale con la Germania con Del Piero, Gilardino, Iaquinta e Totti fino all’ultimo minuto del secondo tempo supplementare. Che si badi bene, i giocatori coi piedi belli vanno CONVINTI e non COSTRETTI a questo tipo di atteggiamento!

L’Inter è la candidata numero uno allo Scudetto

Si, lo ammetto, sono tifoso. Tuttavia, con lo juventino Antonio Conte in panchina, ho cercato di essere più razionale e di guardare la mia squadra con occhi il più distaccati possibili. O forse è solo una mia convinzione e se non ho mai creduto in questo Scudetto (finora) è stato solo per scaramanzia.

Ad ogni modo e qui forse parla l’euforia da tifoso, ma parla soprattutto la razionalità di bet analyst, sembra che l’Inter sia la candidata numero uno per vincere lo Scudetto. Anzi, non sembra: l’Inter è la candidata numero uno per vincere lo Scudetto. I nerazzurri hanno 4 punti di vantaggio sul Milan ed 11 (8 quando batterà il Crotone) sulla Juventus, una sola competizione da affrontare (ça va sans dire) ed un parco giocatori nettamente più completo rispetto a tutte le altre.

Mister Conte, ti stimo ma non ti ammiro, vincerai questo Scudetto ma è imperdonabile la seconda eliminazione consecutiva dal girone di Champions. Mister Conte, forse sei diventato interista o forse lo sei sempre stato se hai la pazzia di proporre ed attuare questo tipo di cose.

Mister Conte, auguri!