Serie-a2

Dybala si è fatto fuori da solo

Premesso che Dybala si è staccato addirittura di 6 goal dalla vetta della classifica marcatori, e che dopo l’ultimo infortunio, rischia di allontanarsi ulteriormente dalla corsa al titolo, non ci resta che spendere qualche parola sul resto dei contendenti.

Ma i contendenti si sono già persi per strada?

Quagliarella sembra tornato un ragazzino, ma non ci sembra in grado di reggere il confronto, e tra l’altro non è quasi mai stato un vero cannoniere. Mertens sembra giocare molto di spalle alla porta oltre che soprattutto per la rifinitura, e poi, per il momento, non ci sembra avvolto dalla trance agonistica dello scorso anno. Higuain e Dzeko sembrano vittime di un calo post annata da urlo. In particolare, se il Pipita fa i conti con una condizione e una mentalità non ancora all’altezza della cifra per cui è stato pagato dalla Vecchia Signora lo scorso anno, il bosniaco sembra intrappolato negli schemi di Di Francesco, che tendono a favorire i movimenti in profondità e i tagli verso la porta delle ali. È proprio a quest’ultime che Di Francesco ha affidato il compito di approfittare dei movimenti a venire incontro al centrocampo della prima punta, sacrificata per la squadra insomma.

Icardi o Immobile? Questo è il problema!

Capocannoniere Serie A: Icardi (quota 2.40) o Immobile (quota 1.80)? Questo è il problema. E sì, perché il bomber dell’Inter e quello della Lazio stanno dominando la scena in campionato: 18 reti per il neroazzurro in 20 giornate (0,9 goal a partita), 20 per il biancoceleste in 18 gare disputate (1,1 goal a partita).

Gli anni migliori

Embed from Getty Images

La migliore stagione, in termini realizzativi, disputata da Icardi In Serie A è stata quella passata: 24 reti segnate in 34 presenze, ma il titolo di capocannoniere è stato vinto poi da Dzeko (solo 2 in meno della stagione 2014/2015 sempre con la maglia dell’Inter in 36 gare in cui vinse il titolo di capocannoniere insieme a Toni).

Anche per Immobile la migliore stagione in Serie A in termini realizzativi è stata quella passata: 23 reti segnate in 36 gare, una in più di quante ne realizzò nella stagione 2013/2014 al Torino in 33 presenze, vincendo il titolo di capocannoniere.

Chi tira più in porta?

Embed from Getty Images

Se dovessero continuare a segnare con questa costanza, Icardi a fine stagione arriverebbe a quota 34 reti, mentre Immobile segnerebbe ben 38 reti. Quest’ultimo tira in porta in media 2 volte a partita, con la Lazio che conclude 5,5 volte verso lo specchio della porta avversaria. Icardi invece tira in porta in media 1,8 volte a partita, con una media della quadra che è di 5,4.